F1 | Analisi passo gara GP Russia: Bottas torna alla vittoria, Ferrari in ripresa con Leclerc

F1 | Analizziamo il passo gara del GP della Russia: Bottas più veloce di Hamilton, bene Perez, Leclerc e Ferrari in ripresa

f1 sintesi gp russia
Al traguardo – Foto: F1

Il Gran Premio di Russia ha visto il ritorno alla vittoria di Valtteri Bottas, mentre Lewis Hamilton, partito dalla Pole, ha subito una penalità di 10 secondi, dovendosi accontentare della terza posizione. È stata una gara piuttosto piatta e senza molti sorpassi, caratteristica che forse è rimasta dopo il passaggio alla mappatura singola.

La gara però ha subito un’interruzione subito la partenza per gli incidenti di Sainz e Stroll, portando a 5 giri di penalità. Si riparte dal giro 6 dove Hamilton tiene la prima piazza, finchè non si ferma presto per scontare la sua penalità ed effettuare la sosta. Qui si trova a passare facilmente Vettel, ma è ormai in terza posizione dopo che tutte le soste sono state completate.

Prima della propria sosta vediamo come Ricciardo e Ocon facciano un po’ di fatica a passare Vettel, con l’australiano che ottiene dal team lo scambio per effettuare il sorpasso. Ocon dopo la sosta invece non riesce a recuperare Leclerc e si trova negli scarichi Kvjat, che però non riesce a superarlo. L’altra interessante battaglia della gara è quella tra Norris, Gasly e Albon, risoltasi a favore del francese, con Norris che spiattella cona gomma e deve abbandonare ogni chance di andare a punti.

Primo stint

Su un circuito come Sochi a basso degrado la scelta degli pneumatici è piuttosto ovvia: Soft per chi si è qualificato nella Top 10, ad eccezione ovviamente di Verstappen e Bottas che possono permettersi le Medie, mentre Hamilton in vista della penalità monta le Soft, Medie o Hard per gli altri, le due Ferrari, Albon (che si ferma sotto Safety Car) e Kvjat inclusi. Leclerc riesce a gestire abbastanza bene le gomme nell’arco del suo lungo stint (27 giri), con giusto un po’ di degrado nel finale, mentre le Renault devono invece fermarsi al 15° e 18° giro. Riesce in questo modo a sopravanzare Gasly e Ocon, aiutato anche dall’azione di disturbo di Vettelch fa da tappo, prima di rientrare a sua volta.

Più avanti Bottas è facilmente migliore di Verstappen su una strategia simile, si fermano infatti al 26° e 25° giro rispettivamente, ma il distacco medio è di oltre 6 decimi, mentre Hamilton nel suo primo stint, molto corto, non stacca molto gli avversari, a cui si è accodato anche Perez.

Secondo Stint

f1 russia passo gara

In questo secondo stint vediamo un Hamilton stranamente fuori forma, che mette i remi un barca dopo essere stato tagliato fuori dalla vittoria, a suo dire ingiustamente. Bottas e Verstappen sono sostanzialmente sugli stessi tempi, con il miglior giro nelle mani del Finlandese in 1:37,030.

Dietro Ricciardo, dopo la sua sosta deve anche aprire 5 secondi di margine rispetto a Leclerc per conservare la quinta posizione, e dopo essersi scrollato di dosso Vettel nella prima parte di questo stint è assai più veloce del monegasco, che comunque fa quel che può con questa Ferrari, ed è facilmente dietro a Perez, il più veloce degli “altri”. Diversa la storia per Ocon, che sempre su Hard non si avvicina alla Ferrari, e anzi fa fatica con Kvjat.

Albon e Gasly effettuano una seconda sosta durante il periodo di VSC, e si trovano dietro Norris, sempre sulle gomme del primo stint, con cui ingaggiano un triello per la nona posizione.  Vince Gasly, con Norris che abbandona il tentativo di fare tutta la gara sulle Hard ed effettua un breve stint sulle medie, cercando il giro veloce, ma senza riuscirci:infatti Gasly gira in 1:37.231, il migliore della metà griglia, ma con un secondo stint compromesso dall’aver dovuto passare Raikkonen.

f1 russia passo gara

f1 russia passo gara

Complessivamente, dopo un trittico di piste veloci siamo tornati quasi alla routine, con qualche differenza: non cambiano se non nell’ordine i primi 3, mentre la Racing Point, non ancora aggiornata (solo Stroll aveva le nuove pance) sembra migliore delle Renault e delle Ferrari su questo tipo di pista. La Ferrari ha avuto un paio di piccoli aggiornamenti alle ali, ma si può notare anche un cambio di setup, più carico, che ha permesso quantomeno una migliore gestione delle gomme, che mancava nelle gare precedenti per sopperire alla mancanza di velocità sul dritto. McLaren è riuscita ad effettuare 40 giri sulle Hard con Norris, con tempi ma non eccezionali che lo hanno costretto alla 15ª posizione. Ancora una volta gara assai bizzarra per Albon, con due soste e tempi lontani da Verstappen, ma questa non è una novità.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | La FIA aveva già deciso di penalizzare Hamilton prima della gara. Perchè ha aspettato l’8° giro?

Francesco Ghiloni

Studente universitario e grande appassionato di motorsport, specialmente di endurance.