F1 | Analisi regolamento: Come funziona il coprifuoco?

Sul regolamento sportivo si possono trovare tutte le regole relative al coprifuoco dei team di F1. In ogni fine settimana di gara ci sono infatti alcuni momenti in cui le vetture non possono essere toccate. Ogni scuderia può infrangere questi coprifuoco solo un numero limitato di volte nel campionato.

coprifuoco F1
Meccanici Mercedes al lavoro sulla monoposto prima delle FP1 del GP di Imola – Foto di Federico M. per F1inGenerale

I meccanici dei team non possono lavorare sempre sulle monoposto di F1: vediamo quali sono i coprifuoco previsti dal regolamento sportivo.

Regolamento sportivo – paragrafi 23.7 e 23.8

I punti di riferimento sono il 23.7 e il 23.8 del regolamento sportivo. In questi due paragrafi troviamo la classificazione delle fasce orarie in cui è vietato lavorare ed il numero di volte che queste possono essere infrante. Il regolamento sportivo prevede 3 diversi tipi di coprifuoco:

  • Il primo va da 42 ore prima delle FP1 a 29 ore prima sempre delle FP1 (23.7 f))
  • Il secondo va da 18 ore prima delle FP1 a 4 ore prima sempre delle FP1 (23.7 g))
  • Il terzo va da 13 ore prima delle FP3 a 3 ore prima delle FP3 (23.7 h))

Leggi anche: F1 | GP Spagna – Ferrari, Sainz cambia telaio nella notte di venerdì: il motivo


Nel corso della stagione, i team, possono infrangere:

  • il primo tipo per un massimo di 8 volte (23.8 a))
  • il secondo per un massimo di 6 volte (23.8 b))
  • il terzo per un massimo di 2 volte (23.8 c))

I coprifuoco sono a team e non a pilota. I meccanici possono comunque entrare nel paddock 30 minuti prima della fine del coprifuoco (23.7 e)) per preparare gli attrezzi e sistemare i garage. In caso di fine settimana con gara sprint non si applica il secondo tipo di coprifuoco. Questi coprifuoco non possono essere violati tutti nello stesso weekend di gara (23.8 d)). Il superamento di questi limiti comporterebbe la partenza dalla pit lane per entrambe le vetture del team (23.8 e)).

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Federico Martello

Vehicle Engineer student, Euroracing (Indy autonomous challenge) vehicle dynamics team member