F1 | Analisi tecnica – Doppio flussometro per i consumi

Per evitare ulteriori polemiche e possibilità di frodi è stato messo obbligatorio un secondo flussometro per la misura dei consumi in formula uno per la stagione 2020, vediamo il perché ed il funzionamento.

Il regolamento in merito ai consumi in formula uno fissa un limite massimo di 100 kg/h con i motori che girano a 10,500 giri/minuto o più. Per monitorare il.consumo istantaneo, le vetture hanno dei sensori chiamati flussometri, che misurano la quantità di carburante che passa dal serbatoio al motore.

Fino alla scorsa stagione le vetture avevano un solo flussometro, dalla frequenza di 2,2kHz, che monitorava il consumo di carburante.

La frequenza indica quante volte in un secondo il sistema effettua la misura. Teoricamente è possibile sfruttare questa misura periodica per fornire una quantità maggiore di benzina solo quando il sistema non effettua la misura.

Consumi formula uno
Credit: f1ingenerale.com

Leggi anche: GP Brasile – Continuano i sospetti sulla Ferrari: nuova direttiva FIA in arrivo in Brasile

Per ovviare questa possibilità e migliorare i controlli la FIA ha deciso di montare su tutte le vetture un flussometro aggiuntivo in serie a quello già esistente, con delle caratteristiche particolari.

Una di queste è che la frequenza di misura non è fissa, ovvero stabilisce in maniera del tutto casuale quando effettuare la misura. Questo sistema si chiama Anti-aliasing. In questo modo diventa impossibile sincronizzare il flusso di carburante verso il motore.

La seconda caratteristica importante è che i dati raccolti vengono criptati. Così facendo, i dati raccolti saranno disponibili solo alla FIA, evitando che i vari team possano studiarli e realizzare sistemi in grado di aggirare tali controlli.

Consumi formula uno
Credit: f1ingenerale.com

Basterà questa soluzione a mettere una parola fine alle polemiche sulle power unit?

Seguici anche su Instagram

F1 | Si discute il debutto delle vetture 2021 nel 2022

Fabrizio Marini

Studente d'ingegneria meccanica presso l'università di Bergamo. Il primo ricordo della Formula Uno risale alla stagione 1999. Un Eddie Irvine che prova a vincere il titolo, avevo 8 anni. Da li in poi ho trascorso un sacco di domeniche sul divano a guardare le gare, combattendo la sonnolenza post brasato con polenta. Sono cresciuto tifando nell'ordine Alonso, Raikkonen, Button (fenomeno sul bagnato), Alonso, Alonso (Ferrari),... , Alonso (McLaren) e Ferrari dei giorni d'oggi.