F1 | Analisi tecnica: fondo Mercedes ed Aston Martin, come funzionano?

Analizziamo oggi il componente che ha subito le maggiori modifiche nel regolamento tecnico 2021: il fondo, approfondiremo nello specifico quello Mercedes e quello Aston Martin.

fondo Mercedes Aston Martin

Il regolamento tecnico 2021 ha imposto un grande cambiamento nella zona posteriore delle vetture. Il fondo è adesso dotato di un taglio verso l’interno nella zona vicina alle ruote posteriori. Questa modifica è stata fatta per ridurre il carico aerodinamico generato dal fondo, in modo da non stressare troppo le gomme. Infatti, per la stagione 2021, la Pirelli non porterà in gara delle nuove gomme, verranno usate le stesse del 2020.

Regolamento tecnico 2021

Regolamento tecnico

Come evidenziato dal regolamento tecnico, più precisamente nel punto 3.7.2, non si possono avere dispositivi aerodinamici nel triangolo rosso davanti alle ruote posteriori. Quali scelte progettuali avranno effettuato i progettisti per ovviare a questa riduzione?

Mercedes

Dettaglio fondo Mercedes – ph: Giorgio Piola

Il team tedesco ha deciso di creare una zona del fondo ondulata subito dopo la zona del bargeboard. Ha inoltre posizionato una lamina di carbonio sulle onde in modo da creare una specie di doppio fondo in quella zona. Davanti alle ruote posteriori ha posto una struttura che serve a deviare il fluido verso l’esterno delle ruote e non delle semplici alette.

Aston Martin

Fondo Aston Martin – credits: @astonmartinf1

Il team inglese ha adottato una soluzione simile a quella Mercedes per la zona vicina al bargeboard. Notiamo un profilo del fondo ondulato, ma qui non è presente la lamina di collegamento superiore. Nella parte centrale del fondo sono presenti delle alette che hanno il compito di deviare il fluido verso l’esterno. Davanti alle ruote posteriori sono presenti delle semplici alette e non una struttura complessa come nel team tedesco.

Fondo Mercedes vs Aston Martin

Come si nota da questo confronto è indubbio un passaggio di know-how tra i due team, ma a cosa serve questa soluzione? Il profilo ondulato e le alette servono a generare turbolenza all’interno del fluido che scorre sul fondo. Con questa turbolenza si cerca di creare una specie di minigonna aerodinamica che impedisca al fluido esterno, dotato di alta pressione, di fluire sotto al fondo, zona di bassa pressione. Questi dispositivi servono ad aumentare la superficie del fondo e a ridurre le perdite di carico aerodinamico generate dalla nuova geometria.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Fondo McLaren MCL35M: cosa si sono inventati gli ingegneri inglesi?

Federico Martello

Vehicle Engineer student, Euroracing (Indy autonomous challenge) vehicle dynamics team member