F1 | Analisi Tecnica: Perchè nelle partenze Hamilton posiziona la mano sinistra sopra il volante?

La manovra probabilmente più caratteristica nonché curiosa di Hamilton durante la fase di partenza è posizionare la mano sinistra sopra il volante. Diverse sono le ipotesi e le voci su quale sia la ragione di tale procedura. Andiamo a scoprire il reale motivo!

Rosberg Palmer campione del mondo F1 | Analisi Tecnica: Perchè nelle partenze brake magic baku Hamilton posiziona la mano sinistra sopra il volante? Mercedes Russell Singapore Ferrari sviluppi W13 Leclerc Sainz Monza Red Bull Verstappen campione titolo
Hamilton che in partenza posizione la mano sinistra sopra il volante (©F1, edited by F1inGenerale)

In fase di partenza Hamilton effettua un’azione molto curiosa: posizionare la mano sinistra sopra il volante. Quest’ultima viene mantenuta in tale posto per diversi secondi, dal momento in cui si accendono i semafori fino a quando la vettura non ha preso velocità. Nonostante siano ormai diversi anni che il 7 volte campione del mondo adotti questa procedura, rimane l’unico pilota in griglia ad effettuarla. Infatti non solo tutti i rivali ma anche il suo compagno di squadra Russell – e precedentemente Bottas – non sembrano volerlo seguire in questa usanza. In molti si domandano quale sia il motivo dietro questa inusuale azione.

Le ipotesi

Dietro il volante in alto a sinistra c’è un pulsante denominato “brake magic“. Quest’ultimo sposta il bilanciamento della frenata quasi interamente sull’anteriore ed è utilizzato nel giro di ricognizione al fine di favorire il riscaldamento dell’impianto frenante e dei pneumatici su quell’asse. Tale bottone è stato palesato a tutti i fans in occasione del GP di Azerbaijan 2021, in quanto Hamilton perse la gara andando lungo in curva 1 proprio per aver riattivato erroneamente il brake magic.

Rosberg Palmer campione del mondo F1 | Analisi Tecnica: Perchè nelle partenze brake magic baku Hamilton posiziona la mano sinistra sopra il volante? Mercedes Russell Singapore Ferrari sviluppi W13 Leclerc Sainz Monza Red Bull Verstappen campione titolo
Pulsante del “brake magic” (©unknown, edited by F1inGenerale)

Essendo il pulsante collocato nella medesima posizione dove egli pone la mano, alcuni appassionati hanno di conseguenza ipotizzato che lo scopo di quel gesto sia proprio agire su di esso. Tale modalità però da procedura viene disattivata ancor prima che il pilota posizioni la vettura in griglia per poi non essere più attivata, a meno di errori come nel GP sopra citato, in fase di partenza. Dunque, il lasso temporale del suo utilizzo è decisamente antecedente al momento in cui Hamilton posiziona la mano sul volante. Perciò non vi può essere alcun nesso tra le due operazioni.

Un’altra ipotesi popolare vede l’azionamento di un altro switch dietro il volante che innesti una mappatura ibrida più spinta per i primi momenti di gara. Tale operazione viene effettuata da tutti i piloti, però già prima che il direttore di gara dia il via ai semafori, dunque ancora una volta precedentemente all’azione presa in esame. In aggiunta, nel caso della Mercedes le mappature vengono selezionate tramite un manettino posto sul fronte del volante.


Leggi anche: F1 | Analisi Tecnica: I segreti del volante Ferrari


Le motivazioni plausibili

In passato sono state date diverse motivazioni anche da esperti le quali, al contrario delle precedenti, risultano essere plausibili. Una proviene da Nico Rosberg. Il campione del mondo 2016 afferma infatti che tale posizione della mano dia ad Hamilton una presa più comoda del paddle della frizione, aiutandolo così a controllarli meglio in fase di rilascio.

Un’ipotesi simile è stata pronunciata anche da Jolyon Palmer. Secondo il giornalista britannico questa procedura aiuti il pilota #44 ad avere uno stacco della frizione ancora più preciso, azione estremamente delicata nonchè fondamentale per la partenza.

La spiegazione del box Mercedes

A fornire recentemente una spiegazione è stato anche il box Mercedes. Questa versione è però molto più semplice in quanto tale manovra avrebbe invece un fine esclusivamente di sicurezza. Subito dopo lo stacco della frizione, in seguito alla stratosferica accelerazione delle Formula 1, i piloti sono chiamati a cambiare le prime marce molto velocemente.

Come i più appassionati sanno, le auto di F1 sono dotate di un cambio sequenziale. I rapporti vengono dunque cambiati mediante due palette poste dietro il volante. Quella di sinistra scala una marcia, mentre quella di destra ingrana la successiva. I paddle della Mercedes, come di altre monoposto, sono collegati tra loro. Perciò se il destro viene schiacciato, il sinistro per movimento opposto sporge in avanti e viceversa, per poi ritornare entrambi “al centro” in posizione neutra.

Dopo l’inserimento della marcia, nel momento in cui la paletta di sinistra sta tornando dalla posizione avanzata in quella neutra c’è il rischio che il pilota inavvertitamente la vada a schiacciare. Questo avvenimento comporterebbe il rischio downshift in piena partenza, con conseguente perdita di numerose posizioni sui rivali. Secondo il box Mercedes, sarebbe per ovviare a questa eventualità che Hamilton posiziona la sua mano sinistra sopra il volante al via del Gran Premio. Infatti, fare spessore con le dita impedirebbe che la paletta di sinistra venga tirata e dunque azionata.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

Matteo Venezia

Studente di ingegneria meccanica, classe 2002. Appassionato e studioso della tecnica di Formula 1, in particolare dell’area strategica.