F1 | Analisi tecnica Red Bull – Uno step indietro per un salto in avanti

Con il regolamento 2021 la Red Bull è stata costretta ad un cambio di filosofia nella progettazione della RB16B. Andiamo a vedere le principali differenze.

Difetti di gioventù

Le ultime vetture della Red Bull si sono caratterizzate per una ricerca estrema dell’assetto piantato, con un accentuato angolo di rake. Alla base di questa scelta progettuale un’amplificazione dell’effetto Venturi per permettere all’estrattore di incrementare la depressione al posteriore. D’altra parte, seppur minimamente, l’angolo di rake rende le superfici della carrozzeria più esposte al flusso d’aria, con un incremento della resistenza all’avanzamento. Un compromesso tra velocità massima e velocità in curva. red bull analisi

red bull analisi

 

Questa tipologia di assetto ha richiesto una notevole schermatura del fondo, con una minigonna pneumatica sempre più efficace e con un fondo sempre più elaborato in prossimità degli pneumatici posteriori. Un’ultima parentesi sulla RB16 riguarda la configurazione del motore. Come evidenziato in figura, la Red Bull RB16 si era adeguata alla maggior parte dei team con il doppio scarico della wastegate a sormontare lo scarico principale.

Il risultato alla fine non è stato eccezionale, con una vettura molto instabile al posteriore e con una finestra di utilizzo estremamente ridotta.

La rinuncia all’assetto rake

Con i regolamenti 2021 la Red Bull ha abbandonato il suo tratto caratteristico per tentare di fare un salto in avanti e, grazie anche all’esperienza di Sergio Perez, puntare al titolo. Il fondo tagliato ha costretto i tecnici di Milton Keynes a valutare un’alternativa al rake, cercando di schiacciare quanto più possibile la vettura a terra. Per far questo, grazie anche al lavoro di Honda, ci si è concentrati sulla forma delle pance e del cofano, estremamente scavati nella parte sottostante, chiaro segno della pulizia progettuale e dell’importanza di quella zona. A questo bisogna aggiungere una nuova sospensione posteriore sviluppata da Red Bull per rendere un posteriore più guidabile e stabile in frenata.

L’altra particolarità della RB16B riguarda, oltre all’ala posteriore con endplate simili a quelli Mercedes con il bordo di uscita scalinato per ridurre le turbolenze di scia, la configurazione dello scarico. Diversamente dalla RB16 il pilone dell’ala posteriore è stato rivisto, tornando ad una configurazione monopilone.

Ma la trovata interessante è nel fatto che lo scarico principale e l’unico scarico della wastegate sono integrati nel sostegno dell’ala. La wastegate è poggiata sulla struttura anti-intrusione e presenta una leggera inclinazione verso l’alto (nei limiti consentivi) per soffiare al di sotto dell’ala. red bull analisi

La sensazione è che Red Bull abbia voluto a tutti i costi eliminare tutte le interferenze per consentire al posteriore di poter lavorare con flussi puliti e sfruttare a pieno le potenzialità del nuovo fondo.

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Analisi tecnica Alfa Romeo vs Ferrari – Questione di filosofie