F1 Analisi | Tutti gli aggiornamenti aerodinamici Ferrari in questa prima metà di stagione

Dall’inizio della nuova stagione in Australia qualche mese fa, tutti i team dopo aver presentato le vetture hanno iniziato una fase di ricerca e sviluppo della vettura che terminerà poi dopo il consolidamento delle posizioni nella classifica mondiale. Ferrari aerodinamica

Uno dei team ad aver spinto di più in questo senso è stata proprio Ferrari che, attualmente è la vettura più veloce in pista anche se non riesce a concretizzare al 100% complici errori dei piloti e molta sfortuna.

Oggi andremo ad analizzare in quale maniera i tecnici del Cavallino hanno voluto sviluppare la vettura partendo comunque da un ottima base qual è la SF71H.

Le prime modifiche interessanti le vediamo nel GP Cinese, nel quale Ferrari ha deciso di portare un fondo aggiornato e un ala anteriore modificata, in modo tale da avere più efficienza aerodinamica, cosa che nella stagione passata la rossa soffriva abbastanza.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nel gran premio azero, Ferrari ha portato per la prima volta l’ala posteriore a cucchiaio per avere più velocità in rettilineo.
Passiamo poi all’elemento più contestato, lo spostamento degli specchietti sull’Halo, fin qui niente di strano ma i tecnici del Cavallino avevano anche optato per un deviatore di flusso sullo specchietto, che dopo il gran premio di Spagna è stato abolito.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nel gran premio di Monaco, oltre agli adattamenti al circuito con ali anteriori e posteriori ad;alto carico abbiamo la rimozione del deviatore di flusso, abolito appunto dalla FIA.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nel GP francese Ferrari ha portato degli sviluppi aerodinamici abbastanza importanti infatti ha;modificato i badgeboard oltre a cambiargli colorazione da;rosso a nero, inoltre ha optato per un cambio di diffusore e fondo entrambi studiati in galleria del vento.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Mentre nel gran premio dell’Austria non abbiamo particolari novità, nella settimana successiva a;Silverstone ritorna l’ala a cucchiaio, già vista a;Baku oltre ad alcune modifiche abbastanza visibili sull’ala anteriore.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nel GP di casa di Vettel invece, abbiamo potuto apprezzare i dettagli e la cura della SF71H notando cose che;erano sfuggite all’occhio di molte persone come ad esempio le alette sulla sospensione posteriore vicino al diffusore che hanno un ruolo importante nel;gestire i flussi che arrivano alle gomme.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nel gran premio ungherese abbiamo osservato poi, che Ferrari ha “scopiazzato” una parte di;ala anteriore da McLaren cambiandone comunque il concetto oltre ad una piccola modifica della paratia sull’ala anteriore.

Questo slideshow richiede JavaScript.

In tutto ciò possiamo notare come la cura dei dettagli sia essenziale per un;team di Formula 1, ed è solo curando i dettagli che si vincono i mondiali.


F1 | Guida al finale di stagione in sei punti

Ferrari aerodinamica Ferrari aerodinamica Ferrari aerodinamica