A TCFormula 1Interviste

F1 | Andrea Stella fa tremare la griglia: ecco le sue previsioni per il 2024

Le previsioni di Andrea Stella, team principal McLaren, per la stagione 2024 di F1 fanno tremare la griglia: Red Bull sarà imprendibile?

Andrea Stella confessa le sue previsioni in vista della stagione 2024 di F1. Il team principal McLaren si è aperto sulle sue sensazioni in vista del prossimo Mondiale. La rincorsa alla Red Bull non è certamente finita e, anzi, si rinnoverà quasi certamente nella prima gara del Bahrain. “Le previsioni erano sbagliate – ha dichiarato ad Auto Motor und Sport – Non ci sarà un appiattimento della performance“.

F1 Andrea Stella 2024 Red Bull
La McLaren di Andrea Stella è fra le squadre da tener d’occhio nel 2024 – McLaren Racing Media Centre

A poco più di un mese dalla presentazione delle monoposto 2024, si comincia a parlare, con un pizzico di razionalità in più, della prossima stagione. Il Mondiale passato si è chiuso con il monito di Christian Horner: gli sviluppi convergeranno, presto avremo più competizione. Un’affermazione che già allora sembrava un’esca per i rivali e che oggi, con Andrea Stella, trova la sua più autorevole smentita.

L’ingegnere italiano, team principal di McLaren, è indicato da molti addetti ai lavori come il primo inseguitore di Milton Keynes: “[L’anno scorso], in alcune sessioni di qualifica, eravamo molto vicini o addirittura più veloci di Red Bull, come in Qatar o in Brasile. In gara loro si allontanano da noi, soprattutto nella seconda metà degli stint. Abbiamo dai due ai quattro decimi da recuperare durante l’inverno“.


Leggi anche: F1 | Ferrari 2024, per la livrea… Un salto nel passato?


La speranza del Circus è che Red Bull abbia raggiunto un limite superiore delle proprie prestazioni. Questa eventualità, secondo Andrea Stella, è ancora troppo lontana: “Non siamo ancora nella fase di appiattimento della curva di sviluppo. Credo che assisteremo ad un ulteriore salto di qualità, forse concentrato nella seconda metà della stagione“.

Queste regole ci hanno dato molte geometrie e direzioni di sviluppo diverse – spiega il team principal di Woking – Prima del 2022, molti dicevano che le auto sarebbero state tutte uguali. Quella previsione era sbagliata. Vedo ancora la possibilità di trovare tempo sul giro“.

Mentre i rivali di Red Bull sembrano trovare risposte ai loro dilemmi prestazionali – come i 7 decimi che avrebbe trovato Ferrari al simulatore – a Milton Keynes stanno per presentare un nuovo “mostro“?

Foto Copertina: McLaren Racing Media Centre

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

1 commento

Giuseppe 09/02/2024 at 15:51

Secondo me ci sarà una Red bull molto competitiva e vincente ma con meno distacco anzi direi molto vicini .voglio dire una cosa sui regolamenti secondo me e sbagliato bloccare le auto a non fare test di prova durante l’inverno se è per una questione economica be! Chi può rimane al contrario esce fuori in f.1 non si può bloccare lo sviluppo per qualcuno che non se lo può permettere

I commenti sono disabilitati