F1 | Anteprima Pirelli GP Ungheria 2020: “Analogie e Differenze”

Dopo la storica doppia tappa inaugurale del 2020,  la Formula 1 cambia tracciato e si dirige in Ungheria, vediamo insieme i dettagli forniti da Pirelli. Anteprima Pirelli Ungheria 2020

Anteprima Pirelli Ungheria 2020
Credits: Pirelli

Stando a quanto dichiarato dal fornitore ufficiale, le mescole che vedremo in azione saranno ancora la C2, C3 e C4. Questa volta però verranno messe alla prova su un tracciato con significative differenze rispetto all’Austria.Anteprima Pirelli Ungheria 2020

Le gomme e le specifiche tecniche per la terza tappa del Mondiale sono le stesse dell’anno scorso, ragion per cui i piloti dovrebbero conoscere già quale treno di gomme montare e quando in ogni fase del weekend.

Le caratteristiche del tracciato: Anteprima Pirelli Ungheria 2020

Come il Red Bull Ring, anche l’Hungaroring è una pista piuttosto breve; lunga soltanto quattro chilometri e con diversi cambi di quota. Tuttavia, è molto più lento e in rapida successione, ponendo l’attenzione sopratutto sulla meccanica delle monoposto. Con un usura delle gomme medio-bassa, questa è stata spesso una gara a singolo pit stop. Tuttavia, il vincitore dello scorso anno Lewis Hamilton ha fatto una seconda sosta a fine gara e si sono registrate ben cinque diverse strategie di pneumatici per i primi 5 piloti. La gestione del degrado gomma è stata la chiave della gara. Uno dei motivi dell’imprevedibilità dello scorso anno sono stati i cambi di meteo repentini nelle prove libere, ma normalmente l’Ungheria è una delle gare più calde dell’anno. La mancanza di flussi d’aria a causa della natura della pista la rende particolarmente difficile sia per i conducenti che per le auto. Anche le gomme affrontano una sfida all’Hungaroring, a causa della sequenza non-stop di 14 curve prevalentemente lente, con un solo rettilineo alla partenza per raffreddarsi. Ciò significa che lavorano e si surriscaldano in continuazione. Alcuni piloti confrontano questo fenomeno addirittura con quello che sperimentavano quando correvano coi kart.

 

Informazioni tecniche: Anteprima Pirelli Ungheria 2020

  • Pressioni minime alla partenza: 20,0 psi (ant.) | 18,0 psi (post.)
  • Camber massimo: -3,75° (ant.) | -2,00° (post.)

Mario Isola, responsabile Pirelli F1 e Car Racing:

Per la prima volta, l’Hungaroring è solo la terza gara dell’anno. Con le stesse nomination e assegnazioni di pneumatici delle prime due gare – in una sede ben consolidata nel calendario della F1 – i piloti dovrebbero avere una buona idea di cosa aspettarsi. Durante la gara dello scorso anno è stato battuto il record sul giro che era rimasto imbattuto dal 2004, quindi sarà interessante vedere se i tempi scenderanno ulteriormente con le auto del 2020 che, ovviamente, usano ancora le nostre gomme del 2019. L’Hungaroring è una pista molto impegnativa sia per le auto che per i piloti, dove la gestione delle alte temperature è sempre essenziale. Questo ha causato alcune sorprese in passato. Sarà interessante vedere se l’inizio molto lento della stagione avrà qualche effetto sulla competitività in questo fine settimana, magari con alcune squadre che porteranno anche nuovi sviluppi”.

Seguici anche sui social:
Telegram Facebook Twitter Instagram

 

F1 | Binotto: gli aggiornamenti previsti per l’Ungheria non miglioreranno la velocità massima

mm

Matteo Quattrocchi

Studente presso L’Università degli Studi di Pavia, fotografo amatoriale e amante dei motori da sempre. Tutte le foto le trovate su: https://mattyq3299.wixsite.com/mqphotography