F1 | Anteprima Toro Rosso, Kvyat: “Siamo sulla buona strada” – Albon: “Il primo weekend del mio sogno che si avvera”

Il team di Faenza arriva a Melbourne con l’obiettivo di partire col piede giusto e di continuare ad averlo per il resto della stagione allo scopo di riscattare il deludente nono posto della scorsa stagione. Al volante delle due monoposto, il russo Daniil Kvyat di ritorno dopo un anno passato al simulatore della Ferrari e il tailandese Alexander Albon, neo promosso dalla Formula 2. anteprima toro rosso australia

Foto Toro Rosso

Dopo il deludente nono posto conquistato alla fine della scorsa stagione;con alle spalle solo la Williams in piena crisi, l’obiettivo della Toro Rosso corrisponde al verbo «riscattarsi». Inoltre, non dovendo più ricoprire il ruolo di “laboratorio ambulante” della Honda;per conto della squadra madre Red Bull,;la squadra faentina potrà affrontare questa stagione con maggiore concentrazione su se stessa e consapevolezza dei propri mezzi.anteprima toro rosso australia

Per il volante della prima monoposto, ci sarà il gradito ritorno di Daniil Kvyat che,;appiedato da Helmut Marko, troppo presto ha dovuto abbandonare il Circus. Adesso, dopo un anno al simulatore della Scuderia Ferrari,;è pronto ad accogliere e sfruttare al massimo questa sua seconda possibilità.

“Durante i test abbiamo fatto un ottimo lavoro e completato un sacco di giri. Ci siamo preparati a dovere, era la cosa più importante. Ogni volta che sono sceso in pista, sembravamo andare bene. Quanto, però, sarà solo il tempo a dirlo. Per la prima volta ho lavorato con la Honda e tutto è filato liscio: si impegnano davvero tanto, ma per capire esattamente dove siamo sul piano delle performance, bisognerà aspettare almeno un paio di gare.”

L’atteggiamento di tutto il team Toro Rosso è molto positivo. Trovo che tutti siano molto concentrati e impegnati completamente nel loro lavoro:;adesso dobbiamo continuare con questo slancio anche nei weekend di gara. Ci stiamo muovendo nella giusta direzione.

Non vedo l’ora che arrivi questa prima gara della stagione. Per me sarà bello tornare a Melbourne, specialmente dopo un anno lontano dalle corse. Sono molto emozionato, aspetto questo momento da un po’,;ma dobbiamo rimanere concentrati sul nostro lavoro piuttosto che pensare all’emozione della prima gara.

“Quella di Melbourne è una pista molto tecnicacon una grande varietà di curve. È molto sconnessa, quindi sarà un buon test per verificare la tenuta della vettura. È un circuito davvero impegnativo e non ci si deve far cogliere di sorpresa dalle ombre che calano sulla pista quando tramonta il sole,;nelle fasi finali della gara. Si deve fare molta attenzione, qui occorrono livelli di concentrazione molto alti. Quando si riesce a mettere insieme un buon giro, è sempre una bella sensazione. Se dovessi scegliere la mia parte preferita, direi la chicane ad alta velocità:;affrontarla su queste monoposto sarà davvero fantastico. Nelle curve più lente, poi, devi essere sempre molto pulito e quanto più preciso possibile.”

Per riassumere: ci siamo preparati bene durante i test e adesso siamo pronti per andare a Melbourne!

Al debuto per la sua prima stagione da rookie, Alexander Albon reduce dal terzo posto in Classifica del Campionato di Formula 2. Il tailandese sarà un rookie a tutti gli effetti poichè la sua unica esperienza con una monoposto di Formula 1 corrisponde ai giorni di test pre-stagionali che si sono svolti a Barcellona circa due settimane fa.

“Dopo aver affrontato i test di Barcellona, non vedo l’ora di andare a Melbourne e correre la mia prima gara in F1. Alla vigilia dei test invernali ero un po’ teso, perché mi chiedevo se sarei stato in grado di imparare velocemente e trovare il mio feeling con la vettura. Alla fine dei miei quattro giorni, penso che sia io che la Toro Rosso possiamo essere contenti per come è andata. Era la mia prima volta al volante di una vettura di Formula 1 e devo dire che è davvero impressionante. Non si può minimamente immaginare quanto sia veloce finché non la si guida realmente. Queste vetture sono a un livello differente da qualsiasi altra cosa abbia guidato prima d’ora. Nonostante tutto l’allenamento che avevo fatto,;il primo giorno ho sentito un po’ i muscoli del collo,;ma ogni volta che andavo in macchina la situazione migliorava,;perché il corpo si stata adattando.”

“Già dal secondo giorno ho iniziato a capire cosa fare per essere più veloce, ma è stato soltanto nell’ultima giornata che ho cominciato a sentirmi a mio agio cercando il limite, anche se ho ancora tanta strada da fare. Il team mi ha aiutato molto, anche perché la Toro Rosso ha parecchia esperienza nell’affiancare i giovani piloti debuttanti. Hanno una mentalità molto aperta e sanno perfettamente quali possono essere le difficoltà per un rookie. Ho trovato efficace lavorare con i miei ingegneri, che mi hanno permesso di migliorare il più rapidamente possibile.”

La mia unica esperienza all’Albert Park l’ho fatta al simulatore. È un circuito davvero sconnesso, quindi per essere veloci è importante conoscere i dossi e i cordoli, perché devi sapere esattamente dove portare la vettura. Dovrò anche abituarmi all’evoluzione della pista tra la prima sessione di prove libere e le qualifiche, considerando che questo circuito non viene usato durante l’anno. A parte guidare, dovrò abituarmi al ritmo frenetico del weekend di gara, in particolar modo alle qualifiche. Sono felice di aver potuto simulare una sessione durante l’ultimo giorno di test. Adesso dovrò solo affrontarlo realmente, una volta arrivati a Melbourne.”

 

F1 | Conferenza Stampa GP Australia – Ricciardo: “Con una gara un po’ pazza potrei vincere”

Lascia un voto
mm

Mariangela Picillo

Studentessa di ingegneria meccanica, amo la velocità e il rosso dall'età di 3 anni. Da grande vorrei fare del motorsport la mia vita quotidiana.