Formula 1Interviste

F1 | Antonelli in Mercedes per il dopo Hamilton? Parla Wolff

Toto Wolff ha parlato del futuro della Mercedes per il dopo Hamilton e ha lasciato intendere che la scelta potrebbe essere sorprendente: Kimi Antonelli lontano?

Kimi Antonelli non è il primo indiziato a sostituire Hamilton alla Mercedes, almeno non secondo Toto Wolff. Ora che il sette volte campione del mondo ha scelto di proseguire la sua carriera altrove, la Mercedes dovrà pensare al pilota che dovrà prendere la pesante eredità dell’inglese.

A tal proposito, Wolff ha già chiarito chi sarà il leader della Mercedes dal 2025. “La nostra scelta ricade su Russell che sarà il nostro punto di riferimento principale visto che è cresciuto con noi e ha già dimostrato di che pasta è fatto“.

wolff mercedes antonelli hamilton
Copyright: Coates / XPB Images

Bisogna anche pensare al 2024 e a provare a dare battaglia alla Red Bull. Abbiamo lavorato tanto per cercare di essere all’altezza degli austriaci e sono sicuro che Hamilton ci darà comunque una grossa mano per ottenere successi durante la stagione che sta per iniziare” continua ancora il team principal della Mercedes.


Leggi anche: F1 | Piero Ferrari: “Hamilton sempre stato affascinato da noi. E con Leclerc…”


Russell appartiene alla generazione di Leclerc e Norris e sono ottimi ragazzi in grado di essere dei leader. Non mi aspettavo i rinnovi rispettivamente con Ferrari e McLaren. Avremmo potuto fare altre valutazioni, ma non c’è stato né modo, né tempo. Ma queste soluzioni mi piacciono, le trovo avvincenti e mi spingono a fare meglio per il futuro“.

Tutti questi movimenti forse ci spingeranno a fare una scelta molto coraggiosa. Ma vi assicuro che non stiamo pensando a Kimi Antonelli. Il ragazzo è ancora giovane, ha solo 17 anni e deve ancora provare a correre in F2 senza essere nemmeno passato dalla F3” sostiene Wolff.

Il fatto che Antonelli sia ancora troppo giovane è un fattore determinante nella scelta. “Non voglio correre il rischio che bruci eccessivamente le tappe e che bruci sé stesso. Lo abbiamo accolto da quando aveva 11 anni e ora va preservato” conclude poi Wolff.

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

 

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.