F1 | Arrivabene conferma l’utilizzo di un nuovo sensore FIA: “la Ferrari è regolare e non ha perso prestazione”

Il Team Principal Ferrari, ai microfoni della rete tedesca RTL, ha confermato la presenza di un nuovo sensore FIA per il monitoraggio  della batteria della SF71H. Tuttavia, ciò non avrebbe comportato nessuna perdita di prestazione sulla vettura. sensore ferrari

Foto: Ferrari

Negli ultimi appuntamenti abbiamo assistito ad una netta inversione di tendenza: sulle curve di Marina Bay la SF71H  non è sembrata essere propriamente a suo agio;come ci si aspettava e le difficoltà sono state confermate anche a Sochi con i decimi persi con regolarità nel tratto guidato del percorso.

Tuttavia, ciò che più ha sorpreso è stata la scarsa velocità sul dritto dimostrata dalla SF71H sulla pista russa in confronto alle rivali frecce d’argento, sopratutto;considerando la superiorità dimostrata dalla Ferrari nel corso della stagione in termini di velocità di punta rispetto alla Mercedes.

In molti hanno ipotizzato che un possibile calo potesse;derivare dall’installazione di un nuovo sensore da parte della FIA per il monitoraggio delle batterie della SF71H.

Nelle ultime ore, Maurizio Arrivabene, team principal Ferrari, ha effettivamente confermato la presenza di un nuovo sensore FIA, ma ha smentito le voci riguardanti un calo derivante da esso: “Abbiamo deciso di collaborare con la FIA e per facilitare il loro lavoro;abbiamo;aggiunto un secondo sensore per il monitoraggio della batteria. Tuttavia posso assicurare che ciò non ha in nessun modo alterato le prestazioni della vettura


Calo in rettilineo?

Secondo Arrivabene, il motivo per cui la vettura non è stata più performante sul rettilineo rispetto alla Mercedes è riconducibile ad un eccessivo carico aerodinamico;apportato sulla SF71H per il weekend di Sochi: “Nel rettilineo eravamo assolutamente migliori a Singapore e in Russia eravamo più o meno come Mercedes. Dove abbiamo perso era nelle curve a bassa velocità. Il nuovo sensore non ha in nessun modo peggiorato le prestazioni in rettilineo”

Nessuna preoccupazione quindi in casa Ferrari;per i controlli della FIA: intervistato ai microfoni di Sky, Arrivabene ha confermato che “la Ferrari è regolare e lo era già all’inizio della stagione“.

Timore Ferrari

Tuttavia, a Maranello c’è il timore che, in seguito ai numerosi controlli effettuati dalla FIA, altri team possano venire a conoscenza;del progetto delle batterie Ferrari: “Il progetto della nostra batteria è piuttosto complesso (la Ferrari è l’unico team ad utilizzare un sistema di batterie sdoppiato, ndr.). Se oggi tutto il paddock sa che la FIA ci ha fatto una richiesta, e di comune accordo abbiamo accettato di;mettere il secondo sensore, mi auguro che un domani il progetto non venga conosciuto da tutto il paddock. Perché quello sarebbe grave”.

F1 | GP Giappone – Sintesi Prove Libere 1 e 2: Hamilton e Mercedes re indiscussi del venerdì giapponese

 

sensore ferrari sensore ferrari sensore ferrari sensore ferrari sensore ferrari

Davide Galli

Studente di giurisprudenza e appassionatissimo fin dall’infanzia di Formula 1. Amo qualunque cosa faccia "bruum"