F1 | Arrivano le scuse dopo il GP del Belgio: “Fatto di tutto per correre ma il meteo non lo ha permesso”

Dopo quanto successo al GP del Belgio, la Formula 1 ha pubblicato un comunicato in cui si scusa con i tifosi presenti a Spa e spiega il perché delle decisioni prese.

gp belgio spa
Foto: unknown

Un GP del Belgio più che surreale quello vissuto oggi a Spa. Le condizioni meteo, tutt’altro che favorevoli, hanno costretto Michael Masi e la FIA a diverse bandiere rosse che hanno portato poi alla sospensione della gara. A tal proposito la Formula 1 ha pubblicato un comunicato con cui si scusa con i tifosi presenti a Spa e spiega il perché delle decisioni prese.

Le migliaia di appassionati presenti sulle tribune del circuito belga hanno assistito ad uno spettacolo diametralmente opposto a quello sperato. Poco più di un paio di giri dietro alla Safety Car per poi vedere le monoposto rientrare nei propri box. Lewis Hamilton è stato tra i primi, una volta conclusa “la gara”, a voler ringraziare tutti coloro che sono stati ore ed ore ad aspettare sotto la pioggia.


Leggi anche: F1 | GP Belgio, Toto Wolff: “Abbiamo perso diversi punti, ma bisogna accettarlo”


Questo il comunicato della Formula 1. “In seguito alle condizioni meteo avverse la Formula 1, la FIA e gli organizzatori del GP del Belgio vogliono scusarsi con tutti i tifosi presenti al circuito e quelli a casa per il fatto che non è stato possibile completare l’intera gara. La salute dei piloti, dei volontari e degli spettatori viene sempre prima di tutto. La decisione della direzione gara di estendere il tempo massimo in cui poteva iniziare il Gran Premio è l’esempio di come si è cercato in qualsiasi modo di trovare una soluzione. Il meteo non è però migliorato a sufficienza e non ha reso possibile completare più giri”.

Seguici anche su Instagram