F1 | Aston Martin, Lawrence Stroll: “Tra quattro/cinque anni lotteremo per il titolo mondiale”

Il boss Aston Martin, Lawrence Stroll, suona la carica: tempo quattro/cinque anni e il team lotterà per il titolo mondiale.

Aston Martin Stroll titolo
Foto: Formula 1

Il miliardario Lawrence Stroll afferma che ci vorranno quattro o cinque anni prima che Aston Martin sia in grado di lottare per il titolo mondiale di Formula 1. Stroll ha rinominato il suo team Racing Point con Aston Martin, completo di una nuova livrea verde, per questa stagione. Questo mentre continua a investire pesantemente nel mondo della F1 nel tentativo di renderli contendenti al titolo. Il team sta costruendo una nuova fabbrica e una galleria del vento e si trova nel bel mezzo di un’aggressiva campagna di reclutamento. Dan Fallows entrerà a far parte come direttore tecnico di Red Bull, con il personale destinato a salire da 500 a circa 800 nei prossimi anni. Le speranze di un grande anno nel 2021 erano alte dopo che Stroll ha ottenuto la sua prima vittoria come proprietario di una squadra con Sergio Perez in Bahrain l’anno scorso, ma hanno faticato a partire e attualmente si trovano al sesto posto nella classifica costruttori. E mentre il 2022 offre la possibilità di un grande passo, Stroll non si fa illusioni. Sa che ci vorrà del tempo per portare l’Aston Martin tra le grandi. “Attualmente siamo in una buona posizione”, ha detto Stroll.


Leggi anche

F1 | Alfa Romeo resta in Formula 1: firmato un accordo pluriennale con Sauber


Aria di novità

Condividiamo la galleria del vento di Mercedes, quindi una delle migliori gallerie del vento. Non è bello come avere la tua, ma non è che così rischioso. Per quanto riguarda le strutture, ne stiamo creando di temporanee. Penso che saremo nella nuova struttura in 18 mesi. Non stiamo davvero scendendo a compromessi su nulla. In Formula 1, come in qualsiasi altra attività, non penso che potresti realisticamente pianificare di vincere prima di quattro o cinque anni. Penso che sia realisticamente quello che serve”.

Ha aggiunto: “Il mio obbiettivo, più o meno come con ogni altra attività che possiedo, è vincere. In questo caso, vincere in Formula 1 significa ovviamente il titolo mondiale, e alla fine è quello per cui miriamo, ciò per cui sto lottando. Naturalmente, sappiamo tutti che il successo in Formula 1 – o in qualsiasi altra attività per quella – non arriva dall’oggi al domani. Ci vogliono anni per trovare le persone giuste, gli strumenti giusti, i processi giusti. Ma stiamo costruendo e investendo nella nostra squadra, con l’ambizione di salire in classifica anno dopo anno, e la nostra ambizione finale è vincere il campionato del mondo“.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.