F1 | Aston Martin, Stroll: “Non capisco le penalità, decisioni comiche”

Lance Stroll, pilota della Aston Martin parla delle penalità ottenute nel Gran Premio di Melbourne, confessando di non averne compreso le ragioni.

Aston Martin stroll penalità australia
Lance Stroll, Melbourne da Planetf1.it

Stagione poco soddisfacente per la scuderia inglese che continua ad essere pervasa da una serie di sfortunati eventi. Weekend da dimenticare anche in Australia, dove l’Aston Martin ha riscontrato numerosi problemi alla power unit e ottenuto diverse penalità a carico dei piloti. A parlare, è Lance Stroll, pilota Aston Martin che nel tracciato di Melbourne ha ricevuto una penalità a causa di un duello conseguito con Bottas.

“Non capisco. Ci sono stati altri che hanno fatto quei movimenti tutto il tempo, il mio era solo uno” continua il pilota.

Parlando della penalità, Lance Stroll commenta il regolamento della FIA che impone infatti, il duplice cambio di direzione nel momento della difesa: “Puoi muoverti quanto vuoi finche non intralci la traiettoria della macchina che sta dietro. Mi stavo muovendo solo per cercare di rompere la scia, non mi stavo effettivamente difendendo, e poi penalizzano me per questo. Non capisco.


Leggi anche: F1 | GP Australia – Russell critica la lentezza della safety car Aston Martin, Leclerc se la ride: “Con una Ferrari non ci sarebbero questi problemi!”


“Vengono prese decisioni comiche ultimamente” conclude il pilota canadese, mostrando dissenso dalle decisioni prese dalla direzione gara.

In seguito Stroll, racconta il duello con Bottas, alla ripartenza della Safety car: “Si il sorpasso. Era poco sveglio alla ripartenza, dopo la partenza della Safety Car, e ho visto che era poco reattivo. E’ stato un bel duello”.

Al termine dell’intervista il pilota mostra indifferenza rispetto alla penalità ottenuta, in quanto non ha influenzato la sua posizione sulla griglia, terminando la gara in dodicesima posizione.

“Alla fine non ha cambiato di molto la nostra posizione finale al dodicesimo posto, perché avevamo un distacco maggiore di cinque secondi dalla macchina in posizione tredici” conclude.

Weekend da incubo per la Aston Martin, che per ora resta l’unica scuderia con zero punti nel campionato costruttori. Sperando possa riuscire a trovare un giusto equilibrio nelle prossime gare.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter