F1 | Attacco Hacker a Ferrari: disponibili online diversi documenti riservati

Ferrari ha subito un attacco hacker in cui sono stati sottratti diversi documenti riservati, ora disponibili online per chiunque.

Ferrari Hacker
Attacco hacker contro Ferrari, con diversi documenti riservati ora disponibili online.

Ferrari sotto attacco. Nulla a che vedere con errori di strategia o simili questa volta. La squadra di Maranello, secondo quanto riportato dal sito web specializzato Red Hot Cyber avrebbe subito un attacco hacker tramite ransomware.

A rivendicare la violazione dei sistemi informatici di Maranello è la cybergang RansomEXX. Il bottino recuperato dagli hacker ammonterebbe a ben 7GB di documenti riservati. A ciò si aggiunge che tutta la documentazione è ora disponibile online ed è liberamente scaricabile da chiunque. Da quanto riportato dalla cybergang nel suo post, gli hacker hanno sottratto documenti interni, datasheet, manuali di riparazione e altro ancora.

Non è ancora chiaro se nella fuga di dati siano coinvolti anche documenti relativi alla gestione sportiva. In tal caso il danno sarebbe enorme, con progetti e informazioni relativi alle monoposto F1 di Maranello disponibili per chiunque.


Leggi anche: F1 | Pagelle GP Singapore – Perez muro invalicabile, gara spettacolare a Marina Bay


Il secondo attacco in poco tempo:

La Ferrari era stata già coinvolta in un attacco simile, quando la cybergang Everest aveva colpito la Speroni spa, che fornisce componentistica per le auto sportive. In quell’occasione gli hacker pubblicarono e misero in vendita dati e progetti della Ferrari, Lamborghini e Maserati, senza però colpire l’infrastruttura informatica della Casa di Maranello.

Non è più l’era delle Spy story con centinaia di fogli fotocopiati di nascosto. Ora le grandi società devono proteggersi da chi, esperto informatico ma con intenzioni criminali, è in grado di accedere e sottrarre la documentazione caricata online.

Al momento in Ferrari tutto tace. Nessun comunicato ufficiale dalla società italiana, che verosimilmente starà cercando di risalire alla falla nel proprio sistema informatico che ha permesso agli hacker di infiltrarsi.

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Jacopo Moretti

Laureato in Giurisprudenza, classe 1998. Appassionato di Formula 1 e del Motorsport. jacopo.moretti@f1ingenerale.com