A TCFormula 1Interviste

F1 | Bearman già nei piani Ferrari? Vasseur frena gli entusiasmi

Frédéric Vasseur ha parlato del futuro in Ferrari di Oliver Bearman, frenando gli entusiasmi e stabilendo la priorità attuale in F1.

Bearman non è già in direzione Ferrari in F1, secondo Frédéric Vasseur. Il team principal di Maranello frena gli entusiasmi del paddock e traccia il futuro del pilota inglese. Il prossimo pilota della Rossa sarà Lewis Hamilton e parlare del suo successore è estremamente prematuro. In ogni caso, non sono finiti gli impegni nel Circus per il giovane talento Prema.

F1 Ferrari Bearman Vasseur possibilità entusiasmi
Oliver Bearman in pista in Arabia Saudita sulla SF-24 – Scuderia Ferrari

La vera favola del weekend dell’Arabia Saudita è stato senza dubbio Oliver Bearman. L’inglese, dopo aver conquistato la pole position in Formula 2, è stato chiamato a sostituire Carlos Sainz (colpito da appendicite). Con solo una sessione di Prove Libere a bordo della SF-24, il promettente talento Prema ha conquistato prima l’11° posto in qualifica e poi il 7° posto in gara.

Una prestazione stellare, che ha convinto colleghi, tifosi e addetti ai lavori. Guai, però, a considerare il lavoro già finito: “Non cominciate a parlare già del futuro dopo Lewis Hamilton – ha chiarito Frédéric Vasseur, come riportato da Autosport – Certamente è un buon segnale per Ollie [Bearman], ha raggiunto un traguardo importante. A Melbourne e Imola tornerà a correre in F2, il suo obiettivo più importante“.


Leggi anche: F1 | Cambiare i regolamenti per fermare Red Bull? La posizione di Ferrari e Mercedes


II team principal Ferrari spiega i prossimi passi in Formula 1 per l’inglese: “A breve inizierà le Prove Libere 1 con Haas, che gli daranno chilometri ed esperienza in macchina. Ciò che è successo in Arabia Saudita è solo un passo verso l’obiettivo finale, non un arrivo. Ha fatto bene durante il weekend, ma avrà altre sfide da affrontare in Formula 2“.

Oliver Bearman scenderà in pista durante le FP1 ad Imola, Barcellona, Silverstone, Ungheria, Messico e Abu Dhabi. “Tutti, fra sei mesi, smetteranno di parlare di ciò che è accaduto a Gedda. Parleremo del Messico, del Brasile e di quanto stia facendo bene o meno. Ogni giorno sarà una nuova sfida. Se manterrà lo stesso approccio mostrato in questo weekend, andrà bene“.

Foto Copertina: Scuderia Ferrari

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter