F1 | Binotto a Sky: “Nel 2022 vogliamo aprire un ciclo vincente della Ferrari”

Durante lo speciale andato in onda su Sky, Binotto ha parlato dei progetti futuri della Ferrari, volgendo lo sguardo al 2022.

Binotto ferrari sky
Foto Scuderia Ferrari

Il team principal della Ferrari si apre ai microfoni di Sky. Intervistato da Carlo Vanzini, Mattia Binotto ha discusso diversi punti, tra i quali il delicato passaggio di regolamenti del 2022, confidando le intenzioni per il futuro della Ferrari.

L’ingegnere della Scuderia di Maranello ha parlato delle novità che attenderanno i team tra due stagioni: “Nel 2022 partiremo tutti da zero”.

Nessuno – continua Binotto – potrà lavorare all’aerodinamica della monoposto fino a gennaio 2021. Tutti i team partiranno da un foglio bianco”.

“Il cambio di regolamenti rimescolerà le carte in tavola”, dice il boss del Cavallino. Poi Binotto dice con convinzione: “Speriamo di aprire un ciclo vincente con la Ferrari”.

L’obiettivo a Maranello è quello di continuare a lavorare per arrivare alla tanto agognata conquista del mondiale.

Il titolo iridato manca in casa del team del Drake da troppo tempo, e Binotto lo sa, come sa che può contare su un solido gruppo di ragazzi: “La squadra è viva, non aspetteremo di nuovo 21 anni per festeggiare.

Il team principal della Ferrari è ambizioso in ottica 2022, il giornalista di Sky Carlo Vanzini così gli domanda: “Ci sarà la possibilità di indovinare la via del dominio?”

“Il regolamento per come è stato scritto è molto restrittivo, quindi ci sono poche opportunità di inventarsi qualcosa di strano”, ammette il boss della Scuderia.

“Le premesse sono quelle giuste – continua l’ingegnere – ovvero cercare di aumentare la spettacolarità. Le vetture potranno perdere meno prestazione aerodinamica stando negli scarichi della monoposto davanti. La direzione è quella giusta, conclude il team principal della Ferrari Mattia Binotto durante lo speciale di Sky.

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Toto Wolff sulla meritocrazia dei piloti: “Non possiamo criticare un ragazzo solo perché ha il papà benestante”

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.