F1 | Binotto racconta la difficile chiamata a Vettel per il licenziamento dalla Ferrari

Durante un’intervista a Sky, Mattia Binotto ha raccontato la difficile chiamata fatta a Vettel, per comunicare la scelta di Ferrari di non rinnovargli il contratto, parlando poi della coppia di piloti 2021: Leclerc e Sainz.

binotto vettel chiamata licenziamento contratto ferrari piloti 2021 leclerc sainz
SkySportF1

Le strade di Sebastian Vettel e della Ferrari si separeranno a fine stagione. Intervistato da Sky Sport Italia, il Team Principal Ferrari, Mattia Binotto, ha raccontato la complicata chiamata fatta a Vettel per annunciargli il mancato rinnovo per il 2021. Binotto ha poi proseguito spiegando la scelta di Sainz, e il potenziale della coppia con Leclerc.

La chiamata a Vettel

“Ero a casa e ho ripetuto tre volte che cosa avrei dovuto dirgli, e come dirglielo. Non è stato scontato, soprattutto la scelta non è stata facile. Di base vogliamo bene a Seb per come si è sempre comportato e per quello che ha dato alla nostra scuderia, alla nostra azienda. Bisogna però avere la lucidità di fare delle scelte guardando al futuro, ed è proprio su questi ragionamenti che poi uno trova il modo di affrontare il discorso, in modo trasparente.”

“Sebastian non ha riattaccato, perché è una persona molto intelligente, è una bella persona in questo. E anche il modo in cui si sta comportando quest’anno, nelle difficoltà, positivo, mai negativo, una persona di rispetto”.

La coppia di piloti 2021

“Leclerc entusiasma il tifoso, ma anche noi internamente. Per quello che è capace di fare, per il tempo sul giro, il giro in qualifica, il sorpasso, la difesa. E credo che questo entusiasmo lo stia trasferendo alla squadra stessa. Sarebbe piaciuto molto a Enzo Ferrari, guida spesso sopra il limite.”

“Sainz lo vedo come un leader, è uno che lavora tantissimo, che unisce il gruppo di ingegneri, è uno che richiede sempre di più. Anche se è giovane, ha già tanti anni di Formula 1 alle spalle. E’ un pilota che cresce e ha mentalità. Sono fortemente convinto di questa scelta, penso che i piloti saranno l’ultimo dei nostri problemi”.

“Charles fa già parte della squadra. Sta crescendo come leadership, nelle difficoltà non è mai stato critico. Vuole aiutare, sta maturando. I team radio erano solo sfoghi. Verremo fuori da una stagione difficile, Sainz ha fatto la scelta giusta e ne è consapevole”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Toto Wolff si arrende a Ferrari e Renault sul congelamento dei motori: “Non credo accadrà”

Simone Frigerio

Vivo per scrivere, mi nutro di MotoGP e Formula 1