F1 | Binotto cede la direzione tecnica Ferrari: “Ci sono persone giuste nel ruolo giusto”

Binotto ha parlato della nuova organizzazione Ferrari e di come sia stato necessario l’abbandono del ruolo di Direttore Tecnico, pur ottenendo la piena fiducia dai vertici

Binotto Ferrari

Nella settimana precedente al Gran Premio di Gran Bretagna la Ferrari aveva annunciato una nuova organizzazione, che ripartiva  i compiti all’interno della Gestione Sportiva. Enrico Cardile è ora alla guida della nuova area Performance Development con il supporto di Rory Byrne. Successivamente Mattia Binotto ha confermato a RTL di aver ceduto tutte le rimanenti responsabilità come Direttore Tecnico per concentrarsi interamente sul suo ruolo come Team Principal che ricopre dal 2019.

F1 | Arrivano i provvedimenti in casa Ferrari: Binotto non è più direttore tecnico

Sempre secondo il capo della Scuderia, queste modifiche consentiranno una migliore gestione dello sviluppo della vettura, che quest’anno, mancando di motore e con un telaio inferiori agli avversari sta patendo molto in pista.

“C’è voluto un po’ di tempo per riorganizzarci, per far sì che il reparto tecnico fosse riorganizzato, non è qualcosa che si fa in un giorno”, ha detto Binotto ad Autosport.

Le modifiche alla struttura adesso hanno tolto dalle sue spalle il peso di direttore tecnico: “Sono in grado, adesso che ci sono persone al posto giusto, con responsabilità e capaci di fare il giusto lavoro di non fare più il direttore tecnico. Ci sono altre persone a farlo. Hanno obiettivi chiari. Penso che siano altrettanto entusiasti e concentrati sugli obiettivi da raggiungere.”

Binotto rimane nella posizione di supervisore e consigliere: “Da parte mia ci sono molte cose che devo fare. Certamente tenere un occhio e mantenerli nella giusta posizione per lavorare bene.”

“Un onore avere il supporto di Elkann” binotto ferrari

Parlando del supporto pieno datogli da John Elkann, Binotto ha detto a Channel 4: “È certamente difficile ma è anche un onore, non va dimenticato. Guardando al passato recente, abbiamo avuto stagioni competitive. Non siamo affatto competitivi oggi, ma siamo sicuri di poter invertire questa situazione in futuro. È importante avere il supporto del nostro Consiglio d’amministrazione e dei suoi membri, il suo presidente e il suo AD. Penso che abbiamo la stessa visione e gli stessi obiettivi. Abbiamo bisogno di un po’ di pazienza. Non ci sono soluzioni magiche [Silver bullets, ndt], quindi stiamo provando a rafforzare il team.”

Binotto infine parla dell’abbandono del ruolo di Direttore Tecnico, che potrebbe passare a un elemento interno alla scuderia o a uno esterno: “Alla fine devo gestire un intera compagnia. La Scuderia è grande, sei sempre molto occupato in tutti i compiti. Non c’è tempo per fare tutto.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Ferrari chiede chiarimenti alla FIA sulla Racing Point

Francesco Ghiloni

Studente universitario di Chimica e grande appassionato di motorsport, specialmente di endurance.