F1 | Bottas ammette: “In Messico potevo gestire la situazione in modo differente”

Valtteri Bottas ha ammesso che nel GP del Messico avrebbe potuto fare qualcosa di più per ostacolare Max Verstappen in curva 1.

bottas verstappen messico
Foto: @ValtteriBottas

Lewis Hamilton ha affermato subito dopo il GP del Messico che il suo compagno di squadra,Valtteri Bottas, ha lasciato la porta aperta a Verstappen in curva 1. L’olandese infatti è riuscito a passare agilmente entrambe le Mercedes e ha iniziato da lì a dettare il suo impressionante ritmo gara.

Il pilota mercedes ha poi affermato che avrebbe potuto fare qualcosa di più: “Ad essere onesto guardando indietro, ribadisco che è facile dirlo dopo, avrei potuto gestire diversamente la situazione.”

In quel momento pensavo che fosse la cosa giusta da fare. Se potessi ri-vivere quel momento probabilmente avrei trovato un modo di bloccare Max. In quel momento ho fatto del mio meglio ed è tutto quello che posso fare. Ovviamente ho guardato i filmati e se mi trovassi di nuovo in quella posizione, forse potrei fare qualcosa di meglio, forse no.”

Andrew Shovlin ha affermato che per i piloti è più difficile posizionarsi in maniera strategica durante una partenza: “I piloti parlano di come potrebbero muoversi. La realtà è che, una volta che si spengono le luci, è molto difficile mettere in atto il proprio piano perchè le cose non andranno mai come ti sei immaginato.”


Leggi anche:F1 | Hamilton, dopo l’accusa arriva il chiarimento con Bottas sulla partenza: “Si vince e si perde insieme”


Shovlin ha poi continuato dicendo: “È stato quasi sfortunato per noi che Lewis abbia avuto una bella reazione al via. Nessuna delle prove di partenza era brutta ma Hamilton ha avuto una bella reazione e questo lo ha messo al fianco di Valtteri. Guardandoli dall’esterno è molto facile dire cosa avrebbero potuto fare per evitare che Verstappen li superasse entrambi. La realtà è che sapevamo che saremmo stati vulnerabili nel primo giro e non è stato per una brutta partenza. Non sono stati in grado di bloccarlo (Max).”

La Red Bull è stata aiutata dalla frenata di Verstappen che è avvenuta circa 15m dopo quella di entrambe le Mercedes: “Non credo fossimo forti quanto Red Bull nella frenata di curva 1, Max ha fatto veramente un bel lavoro.

Shovlin ha concluso parlando di una debolezza Mercedes: “Per finire c’era un’altra area dove eravamo particolarmente vulnerabili, la frenata. Non eravamo in grado di frenare tardi come le Red Bull.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter