F1 | Bottas si avvicina e supera la Safety Car, ma non è sotto investigazione: scopriamo perché.

Valtteri Bottas, alla ripartenza di uno dei vari regimi di Safety Car, si è avvicinato non di poco alla Safety Car arrivando addirittura a sorpassarla. Ciononostante la manovra non è da considerarsi illecita: andiamo a scoprire perchè analizzando il regolamento.

vittoria Bottas
Credits: MercedesAMG F1

La Formula 1 ci mancava e non c’era modalità migliore per inaugurare questa particolarissima stagione. Il primo dei due Gran Premi in Austria ha regalato emozioni a non finire a qualunque tifoseria, con una gara tanto caotica quanto estremamente coinvolgente. Tanti i dibattiti scaturiti;dai numerosissimi episodi in pista, tutte questioni che però (stranamente) sono state tutte già affrontate con pronunce piuttosto tempestive da parte della Federazione.Bottas Safety Car

Tuttavia è rimasta un’ultima tematica aperta, che pare non essere stata nemmeno messa sotto investigazione: quel particolare momento in cui Bottas si è;avvicinato non di poco alla Safety Car, arrivando addirittura a superarla durante una delle svariate ripartenze che hanno contribuito ad animare il Gp. Abbiamo dunque deciso di approfondire il caso e siamo giunti alla conclusione che effettivamente non può essere imputato nulla al pilota finlandese: scopriamo perché.

Distanza minima e massima dalla Safety Car? Cosa dice il regolamento.

Il regolamento detta una serie di regole di condotta che i piloti sono obbligati a rispettare nel momento in cui si entra in regime di Safety Car.
L’articolo 39.5 specifica che “nessuna vettura può essere guidata in modo eccessivamente lento, irregolare o in maniera tale da essere potenzialmente pericolosa per gli altri piloti o ogni altra persona nel momento in cui vige il regime di Safety Car.”.

Pochi paragrafi più sotto poi, al 39.7, si;esplicita quale sia la distanza massima dalla Safety Car che le vetture sono tenute a rispettare durante il periodo di SC: “Tutte;le vetture devono ridurre la propria velocità e mettersi in coda dietro la Safety Car ad una distanza non maggiore della lunghezza di dieci macchine.” Quanto scritto vale per il regime di “Safety Car deployed”, quello antecedente dunque al “Safety Car in this lap”

C’è quindi effettivamente una distanza massima. Ma è precisata una distanza minima da tenere?

No. Non c’è alcuna previsione, in nessun punto del testo, di una distanza minima. Ma approfondiamo: il regolamento all’articolo 39.13 va a toccare il comportamento che il pilota che guida il gruppo deve tenere nel momento in cui si entra nella fase “SAFETY CAR IN THIS LAP”, ossia quella che ci interessa. Il leader in questo caso può violare la regola delle dieci auto di distanza dalla Safety Car, ma anche in questo step non si precisa nulla in merito ad una distanza minima:[…] La prima vettura in coda dietro alla Safety Car può dettare il passo e, se necessario, andare anche oltre la distanza di dieci macchine. […] dal momento in cui la Safety Car spegne le proprie luci i piloti devono procedere con un andamento che non preveda accelerazioni o frenate imprevedibili o altre manovre che possano recare pericolo ad altri piloti.”

Questo secondo comma dunque dà ragione Bottas: nulla impediva al finlandese di avvicinarsi di molto alla Safety Car.

Bottas però ha anche superato la Safety Car prima che rientrasse ai box: anche questo è permesso?

Sì. Valtteri Bottas ha affiancato e superato la Safety Car mentre questa entrava nella corsia interna che conduce ai box, e sebbene sia una manovra che può essere considerata in qualche modo pericolosa, il regolamento la vieta solo fino al momento in cui la Safety Car supera la safety car line, linea che era stata per l’appunto appena oltrepassata.

Bottas Safety Car
L’immagine ritrae gli istanti precedenti al sorpasso della Safety Car da parte di Bottas: la Safety Car supera la linea poco prima di essere superata

A specificarlo è l’articolo 39.7:
“Nessun pilota può superare un’altra macchina in pista, inclusa la safety car, fino al momento in cui non supera la linea [del traguardo, ndr] per la prima volta dopo che la safety car è rientrata ai box“. Questo articolo però prevede alcune eccezioni, e tra queste troviamo alla lettera e) quella che fa al caso nostro:
Quando la safety car sta rientrando ai box può essere superata dalle vetture in pista non appena ha raggiunto la prima safety car line”

F1 | GP Austria – Sebastian Vettel: “Fortuna che mi sono girato solo una volta”

 

 

Davide Galli

Studente di giurisprudenza e appassionatissimo fin dall’infanzia di Formula 1. Amo qualunque cosa faccia "bruum"