F1 | Brawn: “Ferrari ha ancora molta strada da fare”

Ross Brawn è intervenuto dopo il GP di Stiria di F1, parlando della Ferrari. Secondo lui la scuderia dovrà lavorare sodo per recuperare il gap.

F1 Brawn Ferrari
Credits Facebook

Ross Brawn è intervenuto dopo il GP di Stiria di F1, parlando della situazione in casa Ferrari. L’inglese crede che il team dovrà impegnarsi a fondo per ricucire il gap. I temi sono tanti: dalla gestione piloti alle responsabilità del management.

I piloti

L’ex direttore tecnico Ferrari pensa che uno dei più grandi rammarichi sia stato quello legato agli aggiornamenti. Il team si era impegnato molto per portarli in anticipo, e l’incidente ha vanificato il tutto.

Per quanto riguarda Leclerc, Brawn si è espresso positivamente sulla sua ammissione di colpa. Le sue parole: “Charles è stato molto bravo ad assumersi la colpa dell’incidente. Chiaramente ciò non aiuta, ma queste cose succedono; sembra che gli ingegneri avranno molto da fare in fabbrica.

Secondo lui una grande difficoltà per la Ferrari è la pressione mediatica. “Ho imparato per esperienza personale che la pressione mediatica in Italia può essere molto intensa. Devi fare in modo che ciò non impatti sui tuoi uomini”.

Il management

I capi, secondo l’ex ingegnere, devono far fronte a tutto ciò e mantenere concentrato lo staff. Aggiunge poi una considerazione sui problemi tecnici: Devono capire se c’è un problema fondamentale con la vettura, e devono farlo in fretta perché sono chiaramente lontani dall’obiettivo.”

Per la Ferrari sarà inoltre fondamentale il GP di Ungheria: sulla carta più favorevole del tracciato austriaco. Durante i km percorsi questa stagione la SF1000 si è rivelata una vettura lenta sul dritto, ma in curva non è sembrata così lontana. Il GP ungherese sarà utile per capire se il progetto è nato sbagliato, oppure se si tratta principalmente di velocità e potenza. Non ci resta che attendere ancora pochi giorni per vedere nuovamente le vetture in pista.

Seguici su Instagram

F1 | Sebastian Vettel: Aston Martin l’ultima speranza