F1 | Briatore ed Ecclestone coinvolti nell’inchiesta Panama Papers

Flavio Briatore, Bernie Ecclestone, Lawrence Strol e Jaques Villeneuve sarebbero coinvolti nello scandalo “Panama Papers”, l’inchiesta internazionale pubblicata in italia da “L’Espresso”, che fa i nomi di centinaia di persone che hanno aperto società offshore nei cosiddetti paradisi fiscali, in modo da pagare meno tasse possibili.

Foto: ilfattoquotidiano.com
Foto: Bernie Ecclestone e Flavio Briatore – ilfattoquotidiano.com

Flavio Briatore e Bernie Ecclestone insieme a tantissime personalità importanti compaiono nell’inchiesta, “Panama Papers”.

Sarebbero coinvolti anche capi di stato ed attori, passando per sportivi di ogni tipo. Al momento in Formula 1 sono quattro le persone coinvolte.

Secondo quanto riportato da L’Espresso, Briatore ed Ecclestone avrebbero utilizzato una società con sede alle Isole Vergini per acquistare la squadra di calcio inglese del Queens Park Rangers.

Inoltre, Lawrence Stroll, come riportato dal Toronto Star, possiede il 15% della Superwit Profits Limited, con sede in Liechtenstein. Sempre il Toronto Star parla di Jaques Villeneuve, che ha spesso utilizzato società con capitali offshore.

Ancora l’inchiesta riguarderebbe anche Roberto Mancini e Gianluca Vialli, capo delegazione degli azzurri agli ultimi Europei, che compaiono nell’archivio segreto svelato dall’inchiesta giornalistica internazionale del consorzio Icij.

Mancini viene indicato nei documenti come l’azionista di Bastian Asset Holdings, con sede nel paradiso fiscale delle British Virgin Islands (BVI).

Nelle stesse carte, Vialli è invece qualificato come proprietario di un’altra società, la Crewborn Holdings, anche questa registrata alle BVI.

In questo scandalo sarebbero coinvolti anche quattro politici, i cui nomi non sono ancora stati svelati, oltre all’allenatore del Real Madrid Carlo Ancelotti.

Per quanto riguarda Ancelotti, pare che l’allenatore abbia utilizzato una società delle Isole Vergini britanniche per gestire i suoi diritti d’immagine.

Il caso Briatore – Ecclestone

Diverso il caso di Flavio Briatore, il quale nel 2011, insieme a Bernie Ecclestone, stava cercando di vendere la quota del Queens Park Rangers.

Dai documenti esclusivi del consorzio ICIJ, che ha condotto le indagini, emerge come l’accordo proposto includesse dei “termini di vendita” risalenti al febbraio 2011 con una compagnia situata nel paradiso fiscale di Jersey, chiamata Exelixi Ltd, che si impegnava a comprare le azioni di Ecclestone e della Sarita Capital, che fa capo a Briatore.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1| Carlos Sainz: “Vorrei lottare contro Alonso per podi e vittorie nel 2022”

 

Giuseppe Cinotti

Autore per F1ingenerale.com. E’ appassionato di Formula 1 fin da bambino. Ama questo sport perchè è il suo sogno da sempre. Ama il rumore assordante, l'odore della pista, l'attesa, la tensione, le macchine che scattano impazzite, il brivido, la strada che corre veloce, i sorpassi, la paura di sbagliare, il coraggio, il superare se stessi. Il suo motto: "Non si può descrivere la passione, la si può solo vivere" cit. Enzo Ferrari.