F1 | Brundle: “Sostituire Masi non risolverà il problema”

Brundle ritiene che la sostituzione di Michael Masi non risolverà l’attuale problema con l’applicazione dei regolamenti della F1

Brundle Masi

Martin Brundle crede che la posizione di direttore di gara sia troppo per una sola persona in una stagione di 23 gare. Inoltre, al momento non vede nessuno che si distingua per sostituire Michael Masi.

Brundle dice che se Masi dovesse continuare la prossima stagione, avrà bisogno di molto supporto intorno a lui.

Essere un direttore di gara per 23 gare senza alcun aiuto intorno a lui non è facile. Per questo motivo, il britannico pensa che un sostituto non porrà fine al problema.


Leggi anche: F1 | Fabiana Ecclestone difende Masi: “Non dovrebbe lasciare il posto di lavoro, ora la FIA deve restare al suo fianco”


Quello che so per certo è che sostituire Michael Masi non risolverà il problema. Questo è un lavoro troppo grande per una sola persona in una stagione di 23 gare. Quindi, se Masi rimane, ha bisogno di molto supporto intorno a lui e sospetto che sia quello che stanno studiando al momento“, ha detto Brundle.

D’altra parte, il britannico sottolinea che non sarà facile trovare qualcuno che voglia occupare una posizione di tale responsabilità al momento.

Dopo quanto accaduto ad Abu Dhabi, la fiducia che c’era in Masi è stata diluita, ma attualmente all’interno della Federazione non c’è nessuno che si distingua dagli altri per sollevare l’australiano come direttore di gara.

Chi vorrebbe mettersi al suo posto in questo momento?“, si chiede Brundle.

Il collega, ex pilota di Formula 1 Johnny Herbert, non è contento che Masi rimanga al suo posto dopo quello che ha fatto ad Abu Dhabi.

Ha fatto troppi danni alla Formula 1. Inoltre, vista la posizione che ricopre, necessita di fiducia e penso che la fiducia sia completamente svanita“, ha affermato Herber.

Il problema è con chi lo sostituisci. L’esperienza sarà molto importante nell’uomo con cui sarete sostituiti. C’è qualcuno che si distingue per sostituirlo? Non c’è più l’enigma“, ha concluso l’ex pilota.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter