F1 | Button: “La Formula 1 ha bisogno che Hamilton abbia un compagno di squadra all’altezza”

Jenson Button, uno dei pochi a battere Hamilton come compagno di squadra, evidenzia un problema della F1: Hamilton deve avere un compagno all’altezza, se si vuole alzare il livello della competizione.

button hamilton comoagni di squadra f1 2020 bottas verstappen rosberg mercedes mclaren
derapate

Lewis Hamilton è vicino a conquistare il settimo titolo piloti di F1, in Turchia, questo fine settimana, dopo aver dominato la stagione 2020 con nove vittorie in 13 gare. Il compagno di squadra in Mercedes, Valtteri Bottas, è l’unico pilota che può ancora battere Hamilton, ma le possibilità di vittoria sono limitate. Il campione del mondo di F1 del 2009, Jenson Button, è uno dei soli due piloti ad aver battuto Hamilton, come compagno di squadra, nel corso di una stagione. Il duo ha trascorso tre stagioni insieme alla McLaren, dal 2010 al 2012, con Button che ha battuto Hamilton in classifica nel 2011.

Proprio Button ha voluto sottolineare la necessita per la Formula 1 che Hamilton abbia un compagno di squadra all’altezza.

Il pensiero di Button

“Paragonare i record è sempre complicato. A tutti piacciono i numeri, e non vediamo l’ora di battere i vari record, ma fare un paragone tra le differenti epoche della Formula 1 non è semplice. Tutto quello che si può dire è che Lewis ha svolto un ottimo lavoro, così come il suo team. Da quanto è iniziata l’era ibrida nessuno è stato in grado di batterli, e Lewis ha conquistato 5 titoli in 6 anni.”

“Non credo che questa situazione cambierà, a meno che non venga ingaggiato un compagno di team in grado di tenergli testa. Ha sicuramente imparato dai suoi compagni di squadra, ed adesso è un pilota molto più completo rispetto al periodo in cui eravamo insieme alla McLaren. Tuttavia sono certo che se avesse un compagno di team come Verstappen, vedremmo un Lewis diverso. Servirebbe qualcuno che potesse mettere alla prova sia lui che la Mercedes. Ovviamente non si può biasimare la scelta del team, perché tutto è più semplice da gestire quando hai un pilota più veloce dell’altro. Valtteri riesce ad essere competitivo in qualifica, ed in qualche occasione gli è stato anche davanti, ma in gara il suo passo non è paragonabile con quello mostrato da Lewis quest’anno.”

Poi un pensiero sul possibile compagno di Lewis

“Non credo che George sia ancora pronto per lottare con Hamilton. Ci sono molti altri piloti, come Max, Charles e Daniel che lo sono. Mi piacerebbe moltissimo vedere Ricciardo nel suo stesso team. Sono certo che mentalmente Lewis lo soffrirebbe. E’ un pilota veloce ma allo stesso tempo sempre sorridente, rilassato e con i piedi per terra. E’ un vero personaggio e sono certo che la maggior parte dei piloti sarebbe in crisi in un duello interno con lui”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | GP Turchia – McLaren, Sainz e Norris: “Battaglia serrata per il terzo posto, ogni sessione sarà importante qui”

Simone Frigerio

Vivo per scrivere, mi nutro di MotoGP e Formula 1