F1 | Button sul futuro di Spa: “Se non sarà in calendario, sarò molto arrabbiato”

Jenson Button, ex pilota campione del mondo F1 nel 2009, ritiene che il circuito di Spa non possa mancare nel calendario di Formula 1

F1 Button Spa Francorchamps calendario 2023 jenson intervista
Credits: Dymag Wheels – Twitter (F1 Button Spa)

Il futuro del GP del Belgio è ancora incerto. Lo storico circuito di Spa-Francorchamps, sede di Gran Premi con sorpassi spettacolari, rischia di non vedere più sfrecciare le vetture del Circus. In merito a questo argomento si è espresso anche Jenson Button, il quale ha sottolineato l’importanza di mantenere nel calendario il GP delle Ardenne.

“Se Spa non sarà in calendario, sarò molto arrabbiato”, ha dichiarato il britannico sul podcast WTF1. “Monaco è molto complicata perché ci sono tante cose dietro, ma se tolgono Spa è per altri motivi, non perché non sia un buon circuito. È uno dei circuiti più belli del mondo, le gare sono incredibili; i piloti e le squadre amano andare lì”, ha affermato il campione del mondo F1 2009.

L’ex pilota inglese è consapevole della crescita della Formula 1 anche negli Stati Uniti, ma questo non significa che debbano essere introdotti nuovi circuiti a discapito di quelli storici. “Dobbiamo stare un po’ attenti. Sappiamo che la Formula 1 è intrattenimento e un certo programma televisivo l’ha resa molto famosa negli Stati Uniti, il che è fantastico per questo sport”, ha affermato.


Leggi anche: F1 | Il circuito di Spa-Francorchamps rinnova il suo look


“Ma dobbiamo assicurarci di mantenere le corse emozionanti e andare su circuiti che ci diano grandi gare per vedere i piloti felici. Ne trarremo molto di più se i piloti sono in un buon posto senza pensare ‘Perché siamo su questo circuito? Non è divertente, non possiamo sorpassare, è troppo stretto'” ha aggiunto il britannico.

Button ha dichiarato come sia importante avere, nel calendario di F1, un mix tra circuiti cittadini e circuiti storici tenendo conto di tutti i tifosi.

Mi piace il mix di circuiti cittadini e circuiti di vecchia scuola, ma non possiamo andare in tutti i centri delle città solo per la posizione. Va trovato un compromesso tra il tipo circuito e la sua posizione, perché è così che ottieni una buona base di fan. È anche importante che sia una gara divertente da guardare in TV, con molti combattimenti”, ha concluso Button.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

Marco Cesaroni

Classe 2001, studente di Ingegneria Meccanica presso l'Università degli Studi di Perugia.