F1 | Calendario 2021: Mugello tra le opzioni disponibili? Analizziamo i Gran Premi a rischio

Ad oggi si tratterebbe solo di un rumor, ma c’è veramente la possibilità di rivedere il Mugello nel calendario 2021 di Formula 1? La speranza è che il COVID piano piano si attenui, ma la Formula 1 sta valutando l’inserimento di alternative nel calendario qualora ci fossero cancellazioni.

calendario 2021 Mugello
Circuito de Mugello – credits: ilfilo.net

Ad oggi si tratterebbe solo di un rumor, una voce messa in giro da un blog, ilfilo.net, che già lo scorso anno aveva parlato di Mugello 2020. In realtà, se la situazione pandemica non dovesse migliorare e alcune gare venissero cancellate, Liberty Media ha già in mente alcuni piani B. Tra questi, che andrebbero a modificare il calendario 2021, ci sarebbe proprio il Mugello.

I problemi per Liberty Media arrivano dalla sedicesima tappa del mondiale in poi. Il calendario attuale prevede che dopo il Gran Premio di Russia, la Formula 1 proceda verso Singapore e Giappone. Un “tour de force” della lunghezza di tre settimane. Ma mentre la tappa di Sochi sembra praticamente confermata, le gare a Singapore e Giappone rappresentano un vero punto interrogativo. Lo stesso discorso vale per la successiva trasferta, quella nel continente americano: Austin, Città del Messico e Interlagos. Non sarebbe nemmeno così sicura la gara in Australia, solitamente prima tappa dell’anno, ma già spostata al 21 novembre a causa degli alti numeri della pandemia COVID-19.  Per quanto riguarda le ultime gare del campionato, Arabia Saudita (5 dicembre) e Abu Dhabi, la settimana successiva, non dovrebbero esserci problemi.


Leggi anche:

F1 | Promessa mantenuta: Grosjean e Mercedes insieme per test speciali


Mugello e….Nurburgring?

Pur mancando oltre quattro mesi al Gran Premio di Russia,  Formula 1 ha necessità di pianificare tutti gli spostamenti con un certo anticipo. Per questo motivo, negli uffici di Liberty Media si sta lavorando ad un piano B, necessario per non farsi trovare impreparati in caso di annullamenti. Nel weekend di Portimao, qualcuno ha parlato un po’ troppo ad alta voce. Alcuni addetti ai lavori, infatti, hanno fatto il nome di Mugello e Nurburgring come sedi alternative a Singapore e Suzuka. Si tratta di due piste che tutti i tifosi hanno apprezzato durante la scorsa stagione.

Sakhir come alternativa a Melbourne. Un ritorno sul circuito di Indianapolis?

La trasferta in America è destinata a restare un punto interrogativo, almeno per qualche mese. Liberty Media ci tiene molto a riavere gli Stati Uniti nel calendario del mondiale, lo abbiamo visto con l’annuncio del Gran Premio a Miami dal 2022. Ma se le condizioni in Messico e Brasile dovessero peggiorare, è possibile che venga valutata una seconda gara negli USA. A Portimao è emersa la voce di un possibile rientro del circuito di Indianapolis, ma al momento è solo un’indiscrezione non confermata.

Come piano B di Melbourne ci sarebbe invece il ritorno in Bahrain, trasferta che logisticamente si sposerebbe bene con il finale di Jeddah e Yas Marina. In caso di una seconda tappa in Bahrain si correrà sul tracciato esterno che ha debuttato lo scorso anno come Gran Premio di Sakhir.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.