F1 | Calendario 2021 – Turchia di nuovo in dubbio, Mugello sullo sfondo: la situazione

Con la Turchia nella “red list” di Londra, il GP di Istanbul è di nuovo in dubbio, insieme ad altre tappe extraeuropee: la situazione calendario con il Mugello sullo sfondo.

stroll team radio gp turchia f1 racing point perez leclerc hamilton gomme bagnato pioggia
Twitter Racing Point

L’attuale situazione politica legata alla pandemia da Covid-19 continua a creare grattacapi nell’organizzazione del calendario di F1. Anche in questo 2021 il programma dei gran premi ha subìto variazioni e sembra destinato a subirne ancora, mettendo in discussione il target record di 23 corse posto dalla Formula 1 per la stagione in corso. turchia calendario mugello

Nel corso degli ultimi mesi abbiamo assistito a forfait e ribaltoni, dalla prima cancellazione del GP turco, alla doppia tappa austriaca, fino al forfait degli eventi in Giappone, Singapore, Canada e Australia.

Cancellato già una volta, prima di essere reintegrato al posto di Marina Bay, il Gran Premio di Turchia si trova nuovamente a rischio. Londra ha infatti inserito Ankara nella “lista rossa” riguardante il Covid-19, lista che non prevede revisioni prima di metà settembre né esenzioni per la F1. La presenza della Turchia nell’elenco di paesi a rischio per il governo britannico creerebbe problemi agli spostamenti per team (7 su 10) e fornitori che proprio in Regno Unito trovano il proprio quartier generale. Tornare in UK dalla Turchia prima di 10 giorni obbligherebbe il personale ad una quarantena obbligatoria di 10 giorni in un albergo approvato dal governo di Londra, al costo di 2250 sterline a persona.

Alcune opzioni…

Di conseguenza, la tappa turca si trova nuovamente in bilico. Secondo quanto riportato da motorsport.com, la F1 considera il Mugello tra i papabili sostituti dell’evento dell’Istanbul Park, nonostante l’intenzione fosse quella di non svolgere gare in Europa dopo il 26 settembre. Quanto raccolto dalla nostra redazione negli scorsi mesi lasciava aperta l’ipotesi di vedere un GP al Mugello nel mese di ottobre, al posto di uno tra i weekend in Giappone e Stati Uniti.

In una situazione così delicata la Formula 1 si trova a riconsiderare il calendario, con la presenza nella lista rossa britannica anche di paesi come Messico e Brasile. La situazione non risparmia nemmeno Austin, dove la pandemia potrebbe creare nuovi disguidi.

Altra opzione considerata da motorsport.com è quella di correre in Russia il 26 settembre come singola gara, per poi volare in Turchia il 10 settembre, posticipando quindi il GP di Istanbul di una settimana. Stessa sorte potrebbe toccare a Messico e Brasile, mettendo come “pausa” tra USA e Messico una gara in Qatar.

La situazione è in continuo divenire. Stefano Domenicali, patron del Circus, dovrebbe discutere le possibilità con i team nel sabato di Spa-Francorchamps, vi terremo aggiornati.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.