A TCFormula 1Interviste

F1 | Cambiare i regolamenti per fermare Red Bull? La posizione di Ferrari e Mercedes

I team principal di Ferrari e Mercedes si sono espressi in merito alla possibilità di cambiare i regolamenti F1 per fermare Red Bull.

Modifiche ai regolamenti per fermare il dominio Red Bull in F1, Ferrari e Mercedes chiariscono la propria posizione. Dopo due appuntamenti dominati dal team di Milton Keynes, il Circus deve affrontare lo spettro di un’altra stagione dall’esito scontato. Con gli ascolti delle gare in calo in tutto il mondo, il rischio prescinde l’aspetto sportivo della vicenda.

F1 Ferrari Red Bull Mercedes Regolamenti
Ferrari in pista durante le qualifiche del Bahrain – Jacopo Moretti per F1inGenerale

La Formula 1 entra nel vivo, dopo i primi due appuntamenti mediorientali. Nel double-header arabo, fra Bahrain e Arabia Saudita, a dominare è stata Red Bull. Due doppiette che non lasciano scampo ai rivali, entrambe arrivate con Max Verstappen davanti a Sergio Perez. L’olandese è già avviato verso il quarto titolo mondiale, lasciando solo poche briciole di speranza agli inseguitori.

Non cadrò nella trappola del mio vicino di box, che nel 2014 e nel 2015 voleva cambiassero i regolamenti per via del nostro vantaggio – spiega Toto Wolff, team principal MercedesPenso che Red Bull abbia svolto un lavoro migliore di tutti gli altri team negli ultimi due anni, bisogna dargliene credito. Al momento sono semplicemente di un’altra categoria“.

Il nostro è uno sport onesto, dove la performance viene dalla monoposto, dalla meccanica e dall’uomo“, conclude il boss di Brackley.

Il parere di Frédéric Vasseur

Il team principal Ferrari è concentrato sugli sviluppi della vettura di Maranello: “Se riuscissimo ad ottenere gli stessi miglioramenti dello scorso anno, sarebbe incoraggiante. Onestamente, il mio focus è sulla mia squadra, sul fatto che dobbiamo migliorare la macchina. Anche se un weekend fossimo davanti a Red Bull, il mio approccio non cambierebbe“.


Leggi anche: F1 | Una folle idea si fa largo nel calendario: e se si corresse sempre al sabato?


Ma il dominio Red Bull potrebbe danneggiare la Formula 1? “Non posso dire che non sia qualcosa che prendo in considerazione. Siamo totalmente concentrati sul raggiungerli. [In Arabia Saudita] sono stati fatti dei chiari passi in avanti, ma c’erano segnali incoraggianti già a partire dal Bahrain. Questo deve essere incoraggiante per tutti ed è il modo migliore per restare motivati“.

La Formula 1 torna in pista in Australia, per il terzo appuntamento della stagione. Nel 2023, nonostante le molteplici bandiere rosse esposte nel corso della gara, fu Max Verstappen a trionfare e allungare in classifica sull’allora apparentemente competitivo Sergio Perez. Melbourne sarà un test importante anche per Ferrari, in attesa dei grandi aggiornamenti previsti nelle prossime gare.

Foto Copertina: F1inGenerale

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter