F1 | Capire al meglio le qualifiche: le differenze di velocità tra Ferrari e Mercedes

Le qualifiche di oggi hanno visto Ferrari non riuscire ad accedere in Q3, con un tempo sul giro quasi 1.5s più lento di Mercedes. Ma quant’è, in km/h, la differenza in curva che comporta un tale gap? Ecco una nostra analisi utile a comprendere al meglio come si è accumulato il distacco. Analisi Qualifiche Italia

Analisi Qualifiche Italia
GP ITALIA F1/2020 – SABATO 05/09/2020
credit: @Scuderia Ferrari Press Office

Le qualifiche di oggi si sono rivelate ancora una volta un calvario: continua la striscia di vere e proprie debacle che Ferrari sta collezionando al sabato dopo le disastrose qualifiche del Belgio di settimana scorsa. Leclerc non riesce ad andare oltre alla 13° posizione, Vettel addirittura manca la qualificazione al Q2.  Analisi Qualifiche Italia

Sebbene la velocità di punta della SF1000, grazie ad un assetto estremamente scarico, fosse paragonabile a quella fatta segnare dalla Mercedes, il distacco accumulato al termine del giro è stato comunque estremamente importante (quasi 1.5s). Questo perchè la scelta di set-up a bassissimo carico ha messo in difficoltà Leclerc e Vettel nelle curve a media ed alta velocità del tracciato di Monza. Andiamo dunque ad analizzare nel dettaglio quanti km/h la vettura n°16 abbia perso nella Seconda Variante, a Lesmo 2, nella Variante Ascari ed in Parabolica rispetto ad Hamilton ed alla stupefacente McLaren di Carlos Sainz.

Seconda Variante: (7km/h)

La Seconda Variante è una curva a medio-bassa velocità di percorrenza. Tendenzialmente, le varianti lente comportano una compressione dei distacchi, con velocità di percorrenza spesso paragonabili anche tra vetture con prestazioni molto dissimili.
Dall’analisi emerge tuttavia come Leclerc abbia perso 7 km/h rispetto ad una super W11 e 4 km/h dalla monoposto di Sainz. Interessante poi notare come Leclerc abbia preferito affrontare la curva in 4a marcia invece della 3a di Hamilton e Sainz, scelta con tutta probabilità finalizzata a mantenere più stabile il posteriore in fase di attraversamento del cordolo.

Analisi Qualifiche Italia

 

Lesmo 2 (+17km/h)

La seconda di Lesmo è una curva a destra velocissima, punto del tracciato dove emergono prepotentemente le carenze della SF1000. Leclerc perde addirittura 17 km/h rispetto ad Hamilton, cifre che rappresentano davvero un’enormità in questo sport, dove anche solo un paio di chilometri orari fanno la differenza. Sainz leggermente più veloce di Leclerc, ma anche lui in netto ritardo rispetto ad una inarrivabile W11 in questa sezione. E’ tra la prima e la seconda di Lesmo che Hamilton e Mercedes hanno costruito maggiormente il proprio vantaggio rispetto agli avversari.

Variante Ascari (+9 km/h)

L’incredibile Variante Ascari rappresenta uno delle più iconiche sezioni del pista italiana. In questo tratto è intrigante osservare come Sainz ci abbia messo tanto del suo: sebbene la sua McLaren, come abbiamo visto nella foto precedente, perdesse rispetto alla W11 nelle curve veloci, l’Ascari lo spagnolo la percorre ad una velocità folle, addirittura superiore di 4km/h a quella di Hamilton. Dal video on-board abbiamo notato come la McLaren sembrasse estremamente instabile in percorrenza, segno che Sainz è davvero riuscito a portarla al limite in quel tratto. Sempre in difficoltà invece Leclerc, che paga 9 km/h rispetto a Sainz e 5 km/h rispetto ad Hamilton.

Parabolica (+15 km/h)

L’ ultima curva del tracciato è una delle più complicate da affrontare, sia per l’alto rischio di incorrere in sovrasterzo in entrata, sia per la possibilità di scivolare in sottosterzo oltre i limiti della pista in uscita, vedendo così annullato il proprio giro.
In questo tratto in particolare si può osservare come le tre vetture siano l’una ben distante dall’altra in quanto a velocità di percorrenza. Hamilton con i suoi 229 km/h rifila 15 km/h a Leclerc ed 8 km/h a Sainz che si interpone perfettamente tra i due. Una differenza non da poco.

Seguici anche su Instagram

F1 | GP Italia – Griglia di partenza: Hamilton insaziabile, Ferrari alla peggiore qualifica della sua storia a Monza

Davide Galli

Studente di giurisprudenza e appassionatissimo fin dall’infanzia di Formula 1. Amo qualunque cosa faccia "bruum"