F1 | Capito: “L’ottavo posto della Williams non è ancora al sicuro”

Dopo l’eccellente GP di Ungheria concluso con un bottino di 10 punti, la Williams si è ritrovata ad essere all’8° posto nella classifica costruttori, a +7 dall’Alfa Romeo e a +10 dalla Haas. Un distacco che, a detta di Jost Capito, può ancora essere colmato dai rivali di entrambe le scuderie.

F1 Capito Williams
Credits Williams F1

Josh Capito, team principal della Williams, predica attenzione: l’ottava posizione nella classifica costruttori, guadagnata nell’ultimo pazzo GP di Ungheria, è tutt’altro che al sicuro.

Grazie agli incidenti del primo giro e ai conseguenti ritiri, la Williams è riuscita a concludere l’ultimo GP con entrambe le vetture in zona punti. La scuderia inglese, che non otteneva punti dal GP di Germania del 2019, è riuscita così a sopravanzare l’Alfa Romeo in classifica e a portarsi a +7.

Capito, però, avverte che non bisogna adagiarsi sugli allori e sottolinea quanto l’ultimo risultato sia stato importante sia da un punto di vista psicologico che da un punto di vista finanziario.

Leggi anche: F1 | Budwowski avvisa la FIA: “Dal 2022 le collaborazioni tra team porteranno a vantaggi evidenti, c’è bisogno di più controlli”

“C’è una differenza di guadagni tra chi finisce ottavo, nono e decimo in classifica. Ma ora c’è anche una differenza psicologica nel team. Essere sempre l’ultima squadra nel paddock non è bello per nessuno. Ma togliersi da quella scomoda posizione dà una grande spinta”, evidenzia Capito.

“Per la squadra è un sollievo ottenere dei punti dopo così tanto tempo, dopo due anni. All’inizio della stagione c’era la sensazione che non avremmo ottenuto punti perché non abbiamo avuto la possibilità di sviluppare l’auto in modo significativo”, ammette il team principal.

“Non andremo sempre a punti ma ne vogliamo ancora, sarebbe la conferma che possiamo ottenerli. Non importa quanti, conta l’esecuzione della gara”, conclude il tedesco.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

Nicola Fedeli

Studente di Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. Sono un grande appassionato di F1 e di MotoGP da sempre.