F1 | Capito: “La Williams non dipenderà più da piloti con i soldi”

La Williams non è alla ricerca di piloti che possano portare soldi nella prossima stagione, ha confermato il CEO Jost Capito.

Williams piloti soldi
Fonte: ANSA

La Williams non è alla ricerca di piloti che possano portare soldi nella prossima stagione, ha confermato il CEO Jost Capito.
Penso che alla Williams siamo nella posizione in cui decideremo sicuramente i piloti e non dipendiamo, come in passato, da qualche altro pilota che porta soldi“, ha detto Capito. “Abbiamo un piano a lungo termine per tornare al top e dobbiamo scegliere i piloti che si adattano a quel piano. Stiamo solo pensando a questo. Ovviamente tutti possono parlare con noi, ma la decisione spetta a noi”.

Il passato finanziario della Williams

Le considerazioni finanziarie sono state un fattore in diverse assunzioni Williams negli ultimi dieci anni. Nel 2011 Pastor Maldonado, sostenuto dalla società energetica venezuelana PDVSA, ha sostituito Nico Hulkenberg. Aveva appreso di essere stato licenziato dalla squadra una settimana dopo la pole position del GP del Brasile 2010. Altri piloti con supporto finanziario per Williams: Bruno Senna, Lance Stroll e Sergey Sirotkin.

L’attuale formazione del team include George Russell, un pilota junior per il fornitore di motori Mercedes, e Nicholas Latifi, che porta sponsorizzazioni da marchi legati alla società di suo padre Sofina.


Leggi anche

F1 | GP Ungheria – Ferrari rompe il coprifuoco per sostituire la power unit a Sainz


Latifi allo stesso livello di Russell, per Capito

Capito ha indicato che le prestazioni di Latifi potrebbero garantire che mantenga il suo posto nella squadra, se “continua a migliorare e ha una buona seconda metà della stagione”.

Quando lo paragoni a George, non è una grande differenza, specialmente nelle gare, ha detto Capito. “Ha una buona velocità di gara, porta a casa la macchina, non sbaglia. Aiuta la squadra, piace alla squadra”. Latifi non ha mai superato Russell in nessuna delle sue 26 gare come compagni di squadra. Tuttavia Capito ha sottolineato “in un paio di qualifiche ha avuto un paio di volte in cui George ha avuto fortuna e ha avuto sfortuna”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.