F1 | Carlos Reutemann in terapia intensiva. Le condizioni dell’ex Ferrarista

Carlos Reutemann, 12 vittorie in carriera, è ricoverato in terapia intensiva nella sua nativa Argentina. Si presume un’emorragia intestinale.

Carlos Reutemann terapia intensiva
credits: sitioandino

Cattive notizie dall’Argentina: Carlos Reutemann, infatti, è ricoverato in terapia intensiva nella sua città natale. L’argentino è stato ricoverato giovedì in un ospedale privato di Santa Fe. La causa? Un bollettino medico ha parlato di “un’emorragia del sistema digerente”, con esami da eseguire. Non ci sono stati ulteriori aggiornamenti sull’esito di tali test o sulle condizioni in corso del 79enne, ma i medici hanno escluso il coronavirus.

Reutemann ha partecipato a 146 gare in una fantastica carriera in Formula 1, finendo secondo nel campionato piloti dopo Nelson Piquet nel 1981 quando guidava per la Williams. In quell’occasione, era ancora in testa al campionato nella fase finale. Partì dalla pole position quando ancora si correva a Las Vegas, ma non riuscì a raggiungere il gradino più alto del podio.


Leggi anche:

F1 | Qualifiche GP di Spagna – Terzo Bottas: “Errore in curva 10 mi è costato la pole position”


La carriera in pillole

La prima vittoria di Reutemann arrivò in Brabham nel 1974. Vinse tanto anche con la Ferrari, raggiungendo un totale di 45 podi. Oltre ad avvicinarsi al titolo nel 1981, Reutemann si classificò terzo in altre tre stagioni: una volta con Brabham, una con Ferrari e una con Williams – e ebbe anche una gloriosa carriera nel Campionato del Mondo Rally, finendo sul podio in entrambi i rally di casa disputati. Dopo la sua carriera agonistica, Reutemann è entrato in politica ed è divenuto due volte governatore di Santa Fe. Attualmente è all’ultimo anno del suo mandato come membro del Senato argentino.

Soprannominato “Lole”, fu definito da Enzo Ferrari un «pilota tormentato e tormentoso», forse in riferimento ai suoi frequenti ed estremi alti e bassi: per colpa della sua personalità alternava infatti giornate in cui era praticamente perfetto ad altre in cui era irriconoscibile (si veda la stagione 1981, appunto).

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.