F1 | Carlos Sainz racconta del suo rapporto con Leclerc: “Lo rispetto”

Il pilota spagnolo Carlos Sainz jr, alla sua prima stagione in Ferrari, ha spiegato i motivi per cui va d’accordo con il suo compagno di squadra, Charles Leclerc.

sainz leclerc
Credits Ferrari Facebook

Durante l’inverno si era già intuito, quando erano comparsi insieme a Maranello, che Charles Leclerc e Carlos Sainz hanno un ottimo rapporto.

Qualche settimana fa era stato Charles Leclerc a raccontare del buon rapporto con il nuovo compagno di squadra.

Adesso è il turno del pilota spagnolo, che domenica correrà la sua prima gara in Ferrari. Carlos Sainz Jr ha rilasciato una lunga intervista al quotidiano Soy Motor.

Sainz ha dichiarato che tra i due c’è soprattutto tanto rispetto: “Prima di tutto, rispetto. Lo rispetto molto. Abbiamo reciproco rispetto l’uno per l’altro. Questo ti dà già una buona base per iniziare. Lo rispetto per la sua carriera sportiva, lo rispetto per il suo talento, per quello che ha. ha già ottenuto in Ferrari negli anni in cui è stato qui, quello che ha ottenuto in Formula 1, e anche sinceramente quello che ha passato”.

Le vicissitudini vissute da Leclerc in passato (la perdita dell’amico, Jules Bianchi, nel 2015, e quella del padre nel 2017) hanno influito sull’opinione che Sainz ha del suo compagno di squadra.

Charles ha una storia molto particolare. Sono molto familiare. Ho molto affetto per mio padre, ho molto affetto per le persone a me vicine, e quando mi metto nella sua posizione e vedo cosa ha passato e dove si trova ora, lo rispetto e mi faccio dire ‘deve essere un bravo ragazzo, deve essere un ragazzo interessante’. Penso di sì e lo dico apertamente, ed è per questo che penso che anche noi andiamo d’accordo“, ha concluso il pilota spagnolo.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Williams, Francois-Xavier Demaison nuovo direttore tecnico

Victoria L.

Lavoro come account in una web agency. Appassionata di Formula 1 e tifosa della Ferrari da quando vidi il Gran Premio di Jerez del 1997.