F1 | GP Mugello – Casco celebrativo di Leclerc per il 1000° GP della Ferrari

Casco specialissimo per il monegasco in vista del Gran Premio numero 1000 che la Scuderia disputerà al Mugello. Un’omaggio alla gloriosa storia Ferrari, con alcune delle monoposto milgiori che siano state sfornate dai tecnici di Maranello, dagli albori nel 1950 fino all’era Schumacher.

casco Mugello

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sfondo bianco, qualche vettura storica, e ovviamente la bandiera italiana. Sono questi gli elementi distintivi che Charles Leclerc sfoggerà tra due giorni al Mugello sul suo casco. Come già accaduto un anno fa a Monza, il monegasco ha deciso di sostituire i propri colori con quelli del nostro paese. Lo stesso accadrà anche nel Gran Premio di Toscana, dove la Ferrari è pronta a celebrare un’altra volta la sua importantissima storia. casco Leclerc Mugello

Sarà infatti il millesimo GP che la squadra fondata da Enzo Ferrari disputerà nella massima serie. Non poteva dunque mancare qualche accenno al celebre passato vincente del Cavallino. Leclerc ha infatti scelto con cura le monoposto da far disegnare sul suo casco. Tra queste, la primissima 125 F1, che fece debuttare Ferrari in Formula 1 nel 1950, la 312 T che portò Niki Lauda al primo mondiale in Rosso nel 1975, e per ultima la F2004 di Michael Schumacher, quella del settimo titolo del Kaiser.

Nonostante l’evento si presenti ancora una volta in salita, Leclerc ha tutta la voglia di riscattarsi dopo la deludente prova di Monza

Anche quello di questa settimana sarà un impegno non facile per la Ferrari. Il team di Mattia Binotto, seppur la conformazione del tracciato toscano non sia delle più ostiche per le Rosse, dovrà nuovamente sudare per ottenere buoni risultati. Come dichiarato dal monegasco, la pista potrebbe risultare più favorevole rispetto alle scorse due, visto il singolo rettilineo e le numerose curve.

C’è però anche da dire che Mercedes si è dimostrata praticamente imbattibile nei tratti medio veloci, e così dovrebbe essere anche per Racing Point e Red Bull. L’obiettivo minimo sarà dunque l’ingresso in Q3, anche perché il Mugello, per quanto spettacolare, non offre moltissime opportunità di sorpasso. E con una SF1000 che ha nel motore il suo punto debole, un’ulteriore partenza dal fondo dello schieramento potrebbe già pregiudicarne il risultato finale.

Vettel e Leclerc daranno il massimo, come sempre hanno fatto, e chissà se il casco “storico” del monegasco non possa dare una piccola spinta astratta in più. D’altronde, la storia, per quanto ora dolorosa e sicuramente complicata da raccontare, è e sarà sempre da celebrare con orgoglio.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Binotto sottolinea la situazione del team: “la Ferrari non è dentro una crisi”

Simone Casadei

I sogni bisogna inseguirli da giovani. Quella che ora è solo pura passione, cercherò di trasformarla al più presto nella mia vita, nel mio lavoro.