F1 | Charlie Whiting: “Ocon non avrebbe dovuto lottare con Verstappen”

Il direttore di gara della Formula 1 ha definito inaccettabile la manovra di Esteban Ocon ai danni di Verstappen. Ocon penalità

Ocon penalità
Foto: Red Bull Content Pool

Ad Ocon è stata inflitta la massima penalità per una manovra del genere, uno stop-go di 10 secondi e 3 punti di penalità sulla patente piloti.

Whiting ha chiarito che Ocon aveva tutto il diritto superare Verstappen. “Ad ogni pilota è permesso di sdoppiarsi, questo è fuori discussione. È successo molte volte in passato, anche se spesso ha provocato qualche polemica tra i piloti.”

Tuttavia, secondo Whiting, i piloti devono superare esclusivamente in modo pulito e senza lottare con l’altra vettura per la posizione.

“Ovviamente ti aspetti che tutto venga fatto in sicurezza. Il sorpasso dovrebbe essere fatto in modo pulito e senza far perdere tempo al pilota da sdoppiare. Non si dovrebbe mai andare oltre.”

“Se un doppiato ha il ritmo, normalmente l’altro team (in questo caso la Red Bull) comunica al pilota di lasciarlo passare. Ieri Ocon aveva appena montato le SuperSoft e poteva sfruttare le gomme più fresche, ma il suo unico errore è stato quello di lottare per sdoppiarsi. Questo è assolutamente inaccettabile”.

Whiting inoltre ha chiarito che non avrebbe dovuto fare alcuna differenza il fatto che Verstappen fosse il leader della gara.

“Non penso che faccia alcuna differenza che Verstappen fosse il leader. Agli occhi di molte persone quest’errore è considerato più grave, ma per quanto riguarda gli steward non importa perchè si sanziona la manovra.”


F1 | GP Brasile – McLaren, tra penalità e prestazioni al limite dell’imbarazzo: le parole dei piloti

F1 | Charlie Whiting: “Ocon non avrebbe dovuto lottare con Verstappen”
Lascia un voto
mm

Marco Talluto

Ingegnere Gestionale appassionato di Formula 1. Social Media Manager dal 2009 con la voglia di trasmettere la mia passione per il motorsport.