A TCFormula 1

F1 | Christian Horner ha una valida idea per le Sprint Race

Christian Horner ha voluto dire la sua sul tema Sprint Race di F1 e sul come il Circus dovrebbe prendere una decisione per il futuro.

Christian Horner ha una proposta per le Sprint Race di F1. Il team principal Red Bull è convinto che vada cercata una soluzione “a lungo termine” per il futuro. Il formato, anche con l’introduzione della Shootout, lascia ancora a desiderare e sono in tanti – in primis i piloti – a richiedere dei cambiamenti. Cosa andrebbe fatto, quindi, per soddisfare il (giustificato?) bisogno di avere una gara al sabato?

F1 Christian Horner Sprint Race
Christian Horner a colloquio con il Presidente della FIA prima della Sprint Race di Austin – @Red Bull Content Pool

Il tema “Sprint Race” continua a dividere il paddock. I piloti, in Brasile, si sono detti a favore della loro esistenza nell’economia del weekend, a patto di opportuni cambiamenti e limitazioni. Altre personalità, come Toto Wolff, hanno palesato la necessità di modifiche al regolamento, anche per rispondere ad una delle sue limitazioni maggiori: l’imposizione del parc fermé già dal venerdì.

Non solo, il format Sprint Shootout impone una sola sessione di Prove Libere che, in contesti come quello del Qatar di questa stagione, può non essere ideale. È evidente che, se le “garette” – come qualcuno le definisce – devono restare, allora c’è anche bisogno di cambiare le cose. Christian Horner, che nel 2023 ne ha vinte ben cinque su sei con Red Bull, avanza la sua proposta.

Christian Horner sulle Sprint Race: “decidano i fan”

Al pensiero di Toto Wolff, che già aveva suggerito di lasciare la parola ai tifosi, si accoda anche Christian Horner: “I fan devono avere un ruolo importante, devono dirci cosa vuole davvero il pubblico. Devono dirci se il formato va bene così com’è o se c’è bisogno di di gare più emozionanti“.


Leggi anche: F1 | Per Verstappen e Alonso un futuro team da urlo a Le Mans?


Penso sia chiaro che il formato debba evolversi – spiega il team principal Red BullCapisco la volontà di avere dell’azione in tutti i tre giorni del weekend, ma le Sprint Race, in alcuni casi, hanno deluso le aspettative: non ci sono pit stop e si tende a restare nell’ordine di partenza“.

Sicuramente ci siederemo in Commission, all’inizio dell’anno prossimo, per prendere delle decisioni“. Un punto, però, è fondamentale: i cambiamenti devono essere per il lungo termine: “Qualunque cosa decidiamo, deve essere implementata per restare“.

Dobbiamo rispondere a tante domande: come assegnare i punti? Che incentivi diamo a piloti e squadre? Ci sono tante questioni in sospeso. Ma è importantissimo chiedersi se è quello che i tifosi vogliono davvero“.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter