F1 | Come funziona il sistema che utilizzano i piloti per bere?

Il sistema che utilizzano i piloti di F1 per bere è tra i più semplici presenti in macchina ma, nonostante questo, spesso non possono usarlo. Scopriamo come funziona!

Ricciardo vincitore del GP di Monza 2021 – Credits: Sky Sports

Non è raro che durante un Gran Premio sentiamo alcuni piloti lamentare il fatto che il drinking system non funziona. Questo ha la conseguenza di rendere più difficoltosa la gara per il pilota stesso, specie se affronta il GP in una giornata particolarmente calda. Scopriamo quindi come funziona il sistema che utilizzano i piloti per bere, uno dei più semplici presenti sulle auto di F1.

I precedenti

Sergio Perez dopo il GP di Austin 2021 – Fonte: unknown

Uno dei precedenti storici riguardanti il malfunzionamento del drinking system è da attribuire a Kimi Raikkonen. Infatti, il pilota finlandese, durante il Gran Premio di Ungheria nel 2018 lamentava il problema in un lungo team radio con il suo ingegnere di pista. Ma per lui non è stata l’unica disavventura con il suo drink, dato che anche in Alfa Romeo Racing ha avuto gli stessi problemi comunicati, però, con dei team radio a tratti polemici. Invece Sergio Perez, sfortunato per lo stesso motivo durante il Gran Premio degli USA 2021, ha dichiarato a fine gara di aver finito le energie al 20° giro su 56 totali. Questo esempio è efficace per capire quanto i piloti abbiano bisogno di idratarsi durante le gare, specialmente durante le giornate più calde.


Leggi anche: Analizziamo il meccanismo del DRS e le sue applicazioni


Funzionamento del drinking system

Volante RB16B – Fonte: Mark Sutton

La F1 è uno sport estremamente fisico che impone ai piloti un allenamento ferreo per affrontare i Gran Premi nella miglior condizione possibile. Durante le gare i piloti sono soggetti a temperature all’interno dell’abitacolo che possono raggiungere anche i 50°C. Questo sforzo fisico che dura per circa 90/100 minuti, si unisce anche ad uno sforzo mentale non indifferente. Per tutte queste ragioni è importante per loro mantenersi costantemente idratati. Il sistema che utilizzano è molto simile a quello presente nelle macchine stradali per lavare il parabrezza. Infatti, è presente un serbatoio dentro l’abitacolo delle auto di F1 di circa 1.5 lt con una piccola pompa collegata che, a comando, trasporta il beveraggio al pilota. Il drink non è mai freddo a causa del calore presente all’interno dell’abitacolo e generalmente è scelto dai fisioterapisti. Dato che serve proprio ad aiutare il pilota a mantenere la forma fisica, esso è composto da un mix di vitamine e minerali. Il sistema viene azionato dal pilota con un bottone presente sul volante (evidenziato dalla freccia gialla nell’immagine), che attiva il pompaggio del drink dal serbatoio dedicato alla bocca del pilota mediante un tubicino.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter