F1 | Come Liberty Media ha fatto guadagnare popolarità alla Formula 1

Il giornalista Joe Pampliano ha analizzato la crescita di popolarità della Formula 1 da quando è gestita da Liberty Media: tanta popolarità sui social e nuovi appassionati negli Stati Uniti.

Liberty Media Formula 1
credits dal web

Liberty Media ha risollevato le sorti della Formula 1. Gli ultimi anni di gestione di Bernie Ecclestone hanno rischiato di portare la Formula 1 sull’orlo del baratro. Nel 2016 la Formula 1 era uno sport destinato a scomparire con il 40% in meno di spettatori rispetto ad appena 8 anni prima

Tra le cause del declino, secondo molti, la contrarietà del direttore esecutivo della F1 Bernie Ecclestone a qualsiasi strategia social. Ecclestone imponeva a team e piloti restrizioni sui social, sostenendo: “Non mi interessano gli spettatori giovani, preferisco i vecchi ma pieni di contanti che guardano la Tv”.

Nel 2016 Liberty Media acquista da Bernie Ecclestone la F1. Liberty Media è convinta che la F1 abbia un potenziale enorme in termini di nuovi spettatori, in particolare punta sul pubblico americano.


Leggi anche: F1 | Hamilton riflette su Miami e le gare in città: “Amo il Nürburgring, ma la gente è più importante”


Come prima mossa, Liberty Media ha aumentato la presenza della Formula 1 sui social media per conquistare il pubblico più giovani. Piloti e team hanno cominciato a raccontarsi più liberamente sui social, guadagnando moltissima popolarità.

Il successo negli USA

Secondo il giornalista Pampiano, la  F1 è lo sport più popolare sui social negli ultimi tempi. L’engagement della Formula 1 sui social tra il 2019 e il 2020  è aumentato del 99%. Nel 2022 la Formula 1 ha 19 milioni di follower su Instagram, 12 su Facebook e 4 su Tiktok. I video pubblicati su TikTok con l’hashtag #F1 sono stati visti 26 mld di volte.

Per attirare nuovi tifosi, Liberty Media ha investito sullo spettacolo, creando minifestival ed eventi di contorno all’evento motoristico. Successivamente Liberty Media si è impegnata a conquistare nuovi mercati come quello americano. Netflix ha prodotto una serie tv, “Drive to survive”, in cui sono raccontati i retroscena della stagione di F1 dal punto di vista di piloti e team. Questa serie ha avvicinato il pubblico americano alla Formula 1. Negli USA la F1 contava 500mila spettatori nel 2017, nel 2022 raggiungerà il milione.

Il 77% dei nuovi tifosi di Formula 1 ha meno di 35 anni. Nel 2022 i tifosi totali dovrebbero superare il miliardo.

Al GP di Austin erano presenti 400mila spettatori. È il Gran Premio più frequentato della storia. Il 70% degli spettatori era al primo Gran Premio dal vivo, la prova del fatto che hanno conquistato nuovo pubblico.

Gli Stati Uniti, paese tradizionalmente più freddo nei confronti della F1, ospita nel 2022 due gare. Nel 2023 con l‘ingresso di Las Vegas saliranno a quota 3.

Nel 2022 la Formula 1 è lo sport americano con il pubblico più giovane (32 anni in media), seguito dal basket (42 anni) e dall’hockey (49) Le azioni della F1 sono salite del 250% dal 2016. Il rilancio dello sport è diventato un esempio per tutto il mondo.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Victoria L.

Laureata in Comunicazione, lavoro in una media company. Appassionata di Formula 1, la seguo dal Gran Premio di Jerez 1997.