F1 | Come ottenere il rimborso dei biglietti del GP di Imola

Con una nota pubblicata sul sito dell’Autodromo vengono descritte le procedure da eseguire per il rimborso dei biglietti del GP di Imola.

rimborso biglietti GP Imola
Foto: skysport

Il ritorno della Formula 1 ad Imola aveva spinto migliaia e migliaia di tifosi ad acquistare i biglietti per poter assistere al weekend emiliano. L’aggravarsi della situazione legata alla pandemia in corso e la pubblicazione di un DPCM aveva obbligato gli organizzatori dell’evento a vietare la partecipazione del pubblico. Il sindaco di Imola aveva dichiarato di aver chiesto al governo una deroga che però non è mai arrivata.

A meno di un mese dalla gara arrivano le prime notizie sul rimborso dei biglietti del GP di Imola, come si può leggere sul sito dell’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari. “Gli acquirenti dei titoli di accesso dovranno seguire le modalità previste ai sensi e per gli effetti dell’art. 88 D.L. 17/03/2020 n.18, convertito in D.L. n.34 del 19/05/2020 (art. 183 comma 11) e successivamente dal D.L. n.137 del 28 ottobre 2020”.

Per poter richiedere il rimborso dovrà essere compilato un modulo online disponibile alla pagina https://www.rimborso.info allegando una copia del biglietto. Ci saranno varie opzioni per il rimborso: denaro tramite bonifico bancario, emissione di un voucher valido 18 mesi da utilizzare per altri eventi organizzati dall’Autodromo compreso un eventuale Gran Premio di Formula 1 per cui sono in corso trattative in vista della stagione 2021.

Il servizio di rimborso sarà attivo a partire da mercoledì 25 novembre 2020 ore 12:00 fino al 31 gennaio 2020. Non verranno prese in considerazione richieste inoltrate seguendo procedure diverse da quelle previste.

“In tutti i casi le operazioni di riaccredito in denaro e/o emissione voucher avranno luogo a partire dal termine del periodo sopra indicato del 31 gennaio 2020, per consentire l’elaborazione ed il processo di tutte le richieste”.

Seguici anche su Instagram

F1 | Ferrari e Renault pongono le condizioni per il congelamento dei motori dal 2022