F1 | Comunicato di Chase Carey: “Torneremo presto, siamo fiduciosi che riusciremo a superare tutto questo”

Il CEO della Formula 1 Chase Carey mediante un comunicato ha fornito un ulteriore aggiornamento sulla stagione 2020 alla luce dell’epidemia di Coronavirus.

COMUNICATO CHASE CAREY
Foto: F1.com

Il comunicato del boss di Liberty Media Chase Carey:

“La scorsa settimana, la Formula 1, i dieci team e la FIA si sono riuniti e hanno intrapreso un’azione rapida e decisiva come risposta alla pandemia di COVID-19.

Mentre al momento nessuno può essere certo di esattamente quando la situazione migliorerà e quando lo farà, saremo pronti per tornare a correre. Siamo tutti impegnati per offrire ai nostri fan la stagione del campionato 2020.

Possono esserci ulteriori rinvii degli eventi attualmente in programma, tuttavia, ci aspettiamo che la stagione inizi quest’estate, con un calendario rivisto tra 15-18 gare.

Utilizzeremo la pausa estiva anticipata a marzo/aprile per gareggiare durante il normale periodo di pausa estiva e prevediamo che la data di fine stagione si estenderà oltre la data di fine del 27-29 novembre, fissata originariamente.

Non è possibile fornire un calendario più specifico, ma ci aspettiamo di ottenere informazioni più chiare sulla situazione da ciascuno dei nostri paesi ospitanti”.

Per quanto concerne il gran premio di Azerbaigian a Baku precisa: “Sarà rimandato”.

Sui regolamenti commenta

Inoltre, in merito ai regolamenti asserisce: “Di comune accordo con la FIA, congeleremo i regolamenti tecnici per tutto il 2021, nessuna pausa estiva e chiusure di fabbrica vengono anticipate a marzo/aprile.”

Siamo tutti annoiati senza i nostri sport preferiti, ma solo collaborando ANDRÀ TUTTO BENE.
Se non è indispensabile, RESTA A CASA!

E continua “Questa flessibilità offre l’opportunità di evolvere lo sport, sperimentare e provare nuove cose. Ciò può includere iniziative come l’espansione della nostra piattaforma di eSports.

Lo sviluppo di contenuti più innovativi come Drive to Survive di Netflix, i partner di trasmissione, i promotori di gara, i team e i fan: l’ecosistema del nostro fantastico sport.

Tra la Formula 1, i team e la FIA, in collaborazione con i nostri principali stakeholder, ci stiamo impegnando a fondo per tornare in pista. Continueremo a ricevere consigli dai funzionari sanitari, poiché la nostra prima priorità continua a essere la sicurezza e la salute di tutti.

Siamo fiduciosi che riusciremo a superare tutto questo e, quando lo faremo, ci assicureremo che tutti coloro che hanno investito in questo sport ad ogni livello si sentano premiati. Auguri.”

Da parte degli addetti ai lavori pare esserci tutta l’intenzione di tornare a far sfrecciare i bolidi a quattro ruote, solo il tempo ci darà quando e dove il campionato partirà.

Seguici su Twitter.

F1 | Il Canada non partecipa alle Olimpiadi: a rischio anche il GP di Montréal?

Giuseppe Cinotti

Laureato in Operatore Giuridico d'Impresa e specializzando in Relazioni Internazionali e Cooperazione allo sviluppo presso L'Università per Stranieri di Perugia. Autore per F1ingenerale.com. E’ appassionato di Formula 1 fin da bambino. Ama questo sport perchè è il suo sogno da sempre. Ama il rumore assordante, l'odore della pista, l'attesa, la tensione, le macchine che scattano impazzite, il brivido, la strada che corre veloce, i sorpassi, la paura di sbagliare, il coraggio, il superare se stessi. Ama la bandiera a scacchi all'orizzonte quando non c'è nessuno davanti e finalmente puoi alzare in alto il trofeo. Il suo motto: "Non si può descrivere la passione, la si può solo vivere" cit. Enzo Ferrari.