F1 | Conferenza Stampa GP Monaco – Ricciardo: “Voglio essere ottimista riguardo al risultato che possiamo ottenere”

Alla vigilia del Gran Premio di Monaco, la consueta conferenza stampa della FIA, anticipata come da tradizione al mercoledì, si è aperta nel ricordo di Niki Lauda, tristemente scomparso durante la notte del 20 maggio. Tutti i piloti hanno espresso parole di ammirazione per il pilota austriaco; tra i presenti, il pilota della Renault Daniel Ricciardo: “Di Niki ho soltanto bei ricordi.” conferenza stampa monaco ricciardo

Conferenza stampa gp monaco Ricciardo
Daniel Ricciardo; foto: Renault F1

La consueta conferenza stampa FIA, anticipata al mercoledì in occasione del Gran Premio di Monaco, si è aperto nel ricordo di Niki Lauda, scomparso tristemente nella notte del 20 maggio all’età di 70 anni. Tutti i piloti presenti hanno espresso parole di cordoglio e di ammirazione per il pilota austriaco che ha lasciato inevitabilmente il segno nella storia della Formula Uno. conferenza stampa monaco ricciardo 

Tra i presenti, il pilota della Renault Daniel Ricciardo: Di Niki ho soltanto bei ricordi. Tutte le chiacchierate che ho fatto con lui sono sempre state molto piacevoli. Un uomo molto gentile. Il motorsport lo conosce soprattutto come pilota per tutto quello che ha attraversato nel corso della sua carriera, è stato a dir poco eccezionale.”

“I miei momenti che ho vissuto privatamente con lui mi hanno sempre dimostrato la sua gentilezza. Chiaramente per alcuni anni siamo stati avversari però lui non ha avuto nulla di negativo da dire su di me e io posso soltanto pensare alla sua famiglia in questo momento. Sicuramente lascia un’eredità straordinaria e ricorderemo tutti gli aspetti positivi della sua carriera e del suo carattere.

Lo scorso anno, nonostante un problema alla power unit, Daniel Ricciardo si è imposto con una grande prova di forza – soprattutto mentale – cominciata al sabato siglando pole position e terminando alla domenica sul gradino più alto del podio.

Con il passaggio alla Renault, le aspettative sono inevitabilmente cambiate: Sicuramente non vengo qui con lo stesso entusiasmo degli anni precedenti. Io vivo qui, è un po’ come una gara di casa. Ovviamente è diverso essere qui per la gara, il circuito si trasforma e c’è un’atmosfera diversa. Ci sono emozioni diverse nell’aria, un’atmosfera piuttosto surreale.”

“Vedremo in che posizione saremo domani, però sono comunque entusiasta anche se in modo più tranquillo rispetto al passato. Voglio essere ottimista riguardo al risultato che possiamo ottenere.

C’è ancora un processo in corso. Non dico che sono sorpreso da quello che è successo, chiaramente avremmo sperato in risultati migliori. Per ora le cose sono andate così, non come avremmo voluto e siamo abbastanza onesti per ammetterlo.”

Vedo ancora quello che ho visto quando ho firmato il contratto, quello che riguarda l’input da parte di tutti, le infrastrutture che continuano a crescere, le motivazioni non sono calate neanche di 1 mm per me. Ci vorrà magari un po’ più di tempo di quello previsto però posso soltanto impegnarmi e fare tutto il possibile. Sento che tutto quello che faccio viene preso in grande considerazione da parte del team, un team che ha grande voglia di crescere ed imparare.”

“Non voglio dire che tutto dipende da me, però credo che il mio contributo sia stato piuttosto positivo. Mi sto divertendo ed è vero quando lo dico. Chiaramente avrei voluto risultati migliori però a livello di ambiente sto molto bene. Speriamo di avere un weekend speciale qui per dare finalmente una bella spinta alla nostra stagione.

Quest’anno la FIA celebra per il terzo anno tutti i volontari nel motorsport i quali fanno sì che ogni weekend di gara funzioni tutto alla perfezione: Questa è una gara nella quale loro spiccano particolarmente per quanto sono rapidi nel fare tutto il lavoro per fare in modo che ogni sessione possa essere meno disordinata possibile in un ambiente come questo.”

“Chiaramente hanno anche un posto privilegiato per certi versi, il miglior sedile in tutto il circuito per vedere la gara però devono essere riconosciuti per il loro impegno. Spesso si trascura quello che fanno e invece è giusto togliersi il cappello e apprezzare il loro lavoro.

La recente esclusione di Fernando Alonso dalle qualifiche della Indy Car per la 500 miglia di Indianapolis non è passata di certo inosservata all’interno del paddock di Formua 1, dove Ricciardo però ha dimostrato tutta la sua solidarietà al pilota asturiano: “Io non ho mai guidato una macchina da Indy, quindi non potrei sinceramente dire che avevo delle aspettative riguardo ad Alonso perchè non so quanto sia facile o difficile guidare quel tipo di monoposto.”

“Chiaramente avevo fiducia del fatto che lui subito potesse ambientarsi ed essere competitivo perchè come tutti sappiamo è un pilota molto bravo, molto abile e molto motivato. Immagino che quest’anno evidentemente non tutto sia funzionato alla perfezione per ottenere un buon risultato, non tutto dipende dal pilota.”

Lui farà sempre parte della famiglia della Formula Uno e gli auguriamo di far bene.

Rubrica Fellon | Un re senza corona e senza scorta

mm

Mariangela Picillo

Studentessa di ingegneria meccanica. Da grande vorrei fare del motorsport la mia vita quotidiana.