F1 | Conferenza stampa GP USA – Alonso: “Mick Schumacher? Penso sia un grande talento”

Tra i piloti partecipanti alla conferenza stampa del venerdì troviamo Fernando Alonso, pronto a disputare il suo sesto ed ultimo Gran Premio negli Stati Uniti in Formula 1. alonso gp usa

alonso gp usa
Foto: Formula 1

Giunti al diciottesimo appuntamento della stagione, con il GP di Austin rimangono quattro gare non solo per l’attuale campionato ma anche per la carriera in Formula Uno di Fernando Alonso.
Dalle parole espresse dal pilota spagnolo nel corso della conferenza del giovedì non è trapelato nessun tipo di ripensamento per la decisione presa questa estate. Il pilota ha ormai il pensiero completamente rivolto ai progetti futuri e pare avere un relativo scarso interesse per quelle che saranno le prestazioni proprie e del team in queste rimanenti quattro gare.

La conferenza stampa

D: Questo sarà il tuo ultimo weekend ad Austin, cosa rappresenta per te questo Gran Premio e quali sono le aspettative per la gara?

R:  “Questa sarà senza dubbio una gara speciale per tutti i fan che vengono sul circuito. Speriamo di vedere un bello spettacolo, c’è sempre meteo variabile in questa gara e vorrei che ci fosse anche domenica per poter fare una bella gara. Abbiamo obbiettivi diversi rispetto agli altri team, non miriamo ad entrare in zona punti ma sarà difficile”

D: Quali sono i tuoi piani per il 2019? 

R: “Non dovrò più correre 21 gare in Formula 1, quindi avrò più tempo libero, magari anche per venire più spesso in vacanza negli Stati Uniti. Per quanto riguarda i progetti, come ho sempre detto mi attira la 500 miglia di Indianapolis, e dopo la vittoria di Le Mans mi attira ulteriormente. Sto comunque ancora lavorando per i programmi futuri, non ho ancora preso decisioni definitive, quando ci saranno novità sarete i primi a saperle. “

Q: Come commenti il limite di peso minimo di 80kg che verrà introdotto nella prossima stagione? 

R: :E’ sicuramente una buona mossa per la F1, io non sono uno dei piloti più alti e quindi non mi riguarda del tutto, ma è comunque qualcosa che riequilibra la situazione e penso sia giusta. Nel WEC il peso è libero e questo dà un vantaggio ai piloti più piccoli, e in un certo senso è ingiusto.”

alonso gp usa
Foto: Twitter alo_oficial

Q:  Cosa si può fare per migliorare entusiasmo dei fan verso la Formula 1 negli Stati Uniti?

R: “Sicuramente un pilota americano aiuterebbe ad aumentare l’interesse per questo sport. Ma anche rendere le gare più imprevedibili come accade nelle categorie americane sarebbe di aiuto.”

Q:  Quando hai conosciuto Lewis nel 2007 pensavi che avesse le credenziali per raggiungere questi numeri?

R: “Beh a quei tempi era difficile immaginare come sarebbe stato il futuro di Lewis come di chiunque altro, ma sicuramente aveva;mostrato il talento fin dal primo giorno. Ha lottato per il campionato all’esordio e lo ha vinto all’anno successivo, e a quel punto forse;eravamo già tutti d’accordo che 5 o 7 ne avrebbe potuti vincere. Ha poi avuto un calo anche per le mancanza di prestazioni della auto, quando poi è;andato in Mercedes tutti pensavamo che non fosse una buona mossa, perché la Mercedes stava faticando nel 2013. Hamilton è stato in grado di vincere  sia con una macchina competitiva che con una non in piena;forma come nel 2009, questo è impressionante.


D: Puoi dirci la tua top five dei migliori piloti di sempre in Formula 1? Come reputi il fatto che Hamilton stia per raggiungere i numeri di Fangio?

R: ” È molto difficile stendere una top five dei cinque più grandi, ma probabilmente direi Schumacher, Senna, Prost, Fangio e Hamilton. Ma comunque è difficile paragonare epoche diverse e modi diversi di vincere i campionati. Hamilton sta eguagliando Fangio e sono felice;che sia lui a riuscirci tra i piloti di questa generazione. Lewis ha sempre mostrato grande talento e grande dedizione, quando aveva una macchina dominante ha raggiunto l’obbiettivo mentre quando non era abbastanza veloce ha comunque mostrato il suo talento con buone prestazioni,non è scontato.”

D: Gli altri piloti hanno timore a provare la 500 miglia di Indianapolis, cosa ne pensi?

R: “Bisogna essere convinti prima di provare, perché già dopo un test le sensazioni sono piuttosto brutte, la macchina è molto difficile da guidare, tende a;puntare a sinistra ed è “bizzarra”.  Ma poi in gara l’istinto si risveglia e pensi al divertimento, non pensi alle stranezze di quella vettura. È bello uscire dalle zone di confort, l’adrenalina che provi quando guidi qualcosa che non è del tutto sotto il proprio controllo è incredibile.”

D: Cosa ne pensi di Mick Schumacher? 

Non lo conosco di persona, ho solo visto i risultati dall’esterno e sembra che possa essere un grande talento. Farebbe solo bene a questo sport avere;ancora il nome Schumacher. Non mettiamogli pressione e lasciamo che sia il tempo a decidere.”

F1| Conferenza stampa GP Stati Uniti – Hamilton: “La Ferrari è pronta a combattere”

 

alonso gp usa alonso gp usa alonso gp usa alonso gp usa alonso gp usa alonso gp usa alonso gp usa alonso gp usa alonso gp usa alonso gp usa alonso gp usa alonso gp usa alonso gp usa 

F1 | Conferenza stampa GP USA – Alonso: “Mick Schumacher? Penso sia un grande talento”
Lascia un voto

Davide Galli

Studente di giurisprudenza e appassionatissimo fin dall’infanzia di Formula 1. Amo qualunque cosa faccia "bruum"