Analisi F1 | Confronto tempi dei test 2019 e 2020

Si sono da poco conclusi i test sul tracciato del Montmelò. Andiamo a scoprire chi ha migliorato e chi ha peggiorato con questo confronto dei test F1.

confronto test F1
Credits Ferrari Facebook

Si sa, nei test il vero valore di ogni team non è mai facile da capire. Tra modalità del motore e carichi di benzina, le scuderie che si vogliono nascondere lo possono fare molto bene. Con questo confronto fra i test F1 2019 e 2020 cerchiamo di fare un po’ più di chiarezza.

Bisognerà tenere sempre in considerazione il fatto che i team potrebbero aver adottato un piano di lavoro differente. Nonostante ciò, quello che deriva da un’attenta analisi risulta molto interessante in vista di Melbourne.

Confronto test F1 tra le scuderie

Confronto test F1

Ciò che balza subito all’occhio è come le vetture siano più veloci dello scorso anno. Solo 7 piloti su 20 non sono stati in grado di migliorare il proprio lap time e 2 scuderie hanno peggiorato il loro miglior giro. Questi due team sono italiani: Ferrari e Alpha Tauri hanno deciso di non prendersi le prime pagine dei giornali.

All’esatto opposto si sono comportate Williams e Racing Point. La scuderia di Grove difficilmente avrebbe potuto peggiorare le prestazioni, ma un miglioramento così netto è ammirevole. Il tempo sul giro è stato abbassato di 1,2 secondi, più di chiunque altro. Segue da vicino Racing Point (molto simile alla W10) in grado di fermare il cronometro con 9 decimi di anticipo.

Si sono invece confermate più o meno sullo stesso livello Haas e McLaren, con tempi migliori di neanche un decimo rispetto al 2019. Alfa Romeo, Mercedes e Red Bull si trovano invece a metà tra chi ha fatto meglio: i loro tempi sono tra i 4 e gli 8 decimi più rapidi.

Ciò che ne deriva è che Ferrari probabilmente si sia nascosta più di quanto voglia far credere. Promettente invece ciò che si è visto in casa Williams dopo la crisi dell’anno passato. Red Bull sembra aver sfornato una macchina davvero buona, con un propulsore forse più potente del 2019 e Mercedes non è da meno.

Qui di seguito un grafico per avere un confronto fra i tempi dei test F1 più intuitivo:

Confronto test F1

Confronto test F1 tra i piloti

Ragionamento molto simile anche tra i piloti. Nel 2019 il miglior tempo venne segnato da Vettel in 1:16.221, mentre quest’anno è stato Bottas il più veloce in 1:15.732. Ciò che emerge con forza è che entrambi i Ferrari non sono stati in grado di andare più rapidi; solo loro e Alpha Tauri non hanno almeno un pilota più veloce.

Sorprende invece Hamilton: al contrario di quanto si possa pensare, sono 2 i decimi che lo separano da quanto fatto nel 2019. Discorso a parte per quanto riguarda Verstappen, in grado di migliorarsi di ben 1,4 secondi. Probabilmente parte di questa velocità extra deriva da diversi programmi di lavoro e in parte dalla RB16.

Sorprende nuovamente la Williams, con Latifi in grado di migliorare il tempo di Kubica di quasi 1,7 secondi. Al contrario, il pilota che ha peggiorato di più è stato Vettel: 6 decimi di differenza fra i suoi best. Ultima ma non meno importante osservazione è quella che riguarda il peggior tempo di sessione. Nel 2020 il più lento è stato Norris con un 1:17.5, mentre il 2019 aveva visto girare Kubica in 1:18.9: ben 1,4 secondi di differenza.

Possiamo quindi aspettarci che nel 2020 vengano battuti molti tempi sul giro, con una Ferrari che ancora deve scoprire tutte le carte. Potremmo vivere in Australia (o ovunque inizierà il campionato) una lotta a tre per la vittoria. Attenzione anche a Racing Point che potrebbe creare grattacapi per chi ambisce al quarto posto, così come ci si aspetta una Williams più “nel mucchio”.

Non ci resta che attendere che le 5 luci del primo GP si spengano, quando tutti non avranno più nulla nel taschino.

Seguici su Telegram

F1 | la FIA conclude l’analisi della Power Unit Ferrari