F1 | Dai Leclerc agli Schumacher, storie di fratelli piloti

Nel Gran Premio virtuale di ieri sera la line-up Ferrari era composta da Arthur e Charles Leclerc. Tuttavia quella dei monegaschi è solo l’ultimo di numerosi casi in cui due fratelli hanno preso parte a una stessa stagione.

Fratelli Leclerc F1
Charles e Arthur Leclerc – Foto sportnews

I più noti sono sicuramente i fratelli Schumacher. Michael fece il suo debutto nel 1991 con la Jordan. Ralf salì su una Formula 1 sei anni dopo, con la stessa scuderia, dopo aver vinto la Formula Nippon e il Gran Premio di Macau. Nonostante il memorabile uno-due in Canada nel 2001, i destini dei due fratelli sono stati diversi, seppur entrambi invidiabili. Da un lato un sette volte campione del mondo, dall’altro un sei volte vincitore di un GP, con ventuno podi all’attivo.

Ai due piloti tedeschi si aggiungono Gilles e Jacques (Sr) Villenueve. Il più giovane dei due, tuttavia, non si avvicinò mai più di tanto al fratello, nonostante un palmares importante. Jacques arrivò nel Circus dopo aver vinto due titoli consecutivi in Formula Atlantic, ma non riuscì a qualificarsi nei Gran Premi a cui prese parte. Interessante fu la dichiarazione di Gilles nei confronti di suo fratello. “Non sarà mai bravo quanto me ma è abbastanza naturale”.

Nel suo periodo in Ferrari Gilles ebbe come compagno di squadra Jody Scheckter, campione del mondo 1979. Il pilota sudafricano ebbe anche la possibilità di gareggiare, tra il 1974 e il 1977, nella stessa scuderia di suo fratello Ian. Anche in questo caso il confronto era impossibile da reggere tant’è che dopo 20 Gran Premi si dedicò a gare in Sudafrica.

Anche un altro tra quelli che sono considerati i migliori della storia ebbe la possibilità di gareggiare ruota a ruota con il fratello. Si tratta di Sir Jackie Stewart. Il tre volte campione del mondo fu raggiunto nel 1953 dal fratello Jimmy, dodici anni dopo il suo debutto con la BRM. Dopo solo un Gran Premio, quello di Silverstone, decise di dedicarsi a altri tipi di corse automobilistiche, ottenendo numerosi successi.

La più strana, in questo senso, fu sicuramente una coppia italiana. Teo e Corrado Fabi parteciparono a settantadue appuntamenti tra il 1982 e il 1987, ma mai insieme. Particolare è quanto avvenne nel 1984. Ogni volta che Teo era impegnato nella Cart Series cedeva il sedile della sua Brabham BT53 al fratello. Corrado ebbe così la possibilità di partecipare a Gran Premi prestigiosi come Montecarlo, Montreal o Dallas.

Sono solo alcune delle coppie di fratelli che hanno avuto la fortuna di condividere un volante. A questi si aggiungono, infatti, Emerson e Wilson Fittipaldi, i fratelli Rodriguez, i Winkelhock e i Brabham e, chissà, forse presto si aggiungeranno anche i Leclerc. Magari entrambi in rosso.

Seguici su Facebook e Instagram

F1 | Lewis Hamilton, storia di un campione