F1 | Dal 2023 possibile tetto massimo agli stipendi dei piloti

La proposta per il 2023 sembrerebbe aver ricevuto l’approvazione di tutti i team: il tetto agli stipendi sarebbe stato fissato a 25 milioni di euro.

Hamilton, We Race As One. Fonte: account Twitter Mercedes

La riunione tra F1 e team, organizzata durante il weekend portoghese, non ha solamente avuto come oggetto motori e calendario. Un altro argomento posto alla considerazione dei team è un tetto massimo agli stipendi dei piloti, a partire dal 2023.

La proposta, già nell’agenda da tempo ma sempre rimasta incompiuta, sembrerebbe essere stata accettata da tutti i team sulla griglia, con il sostegno di Toto Wolff: così riporta il Daily Mail.

Il limite salariale agli ingaggi dei protagonisti della F1 sarebbe una novità nella storia del motorsport. È la prima volta che si prevede di limitare gli stipendi dei piloti con un tetto massimo.

Jonathan McEvoy, giornalista del Daily Mail, scrive così: “La proposta per limitare gli stipendi delle stelle di questo sport a 22 milioni di sterline (o 30 milioni di dollari, come scriveranno nelle regole), ha avuto anche il sostegno di Wolff, capo di Hamilton“.

Il tetto salariale sarà in euro di circa 25 milioni. La regola entrerebbe in vigore a partire dalla stagione 2023 e, sulla griglia attuale, interesserebbe solamente a Lewis Hamilton.

La misura è pensata per risparmiare e sarà complementare al massimale di bilancio che entrerà in vigore il prossimo anno. La misura potrebbe interessare anche Sebastian Vettel, che in Ferrari guadagna oltre la cifra menzionata, e Fernando Alonso, che nel suo ultimo anno in F1 percepiva poco più di 25 milioni di euro.


McEvoy, d’altra parte, spiega che la misura interesserebbe solamente i contratti firmati dopo l’entrata in vigore della regola. Se Lewis dunque firmerà prima dell’approvazione della norma, il suo contratto sarà esonerato dal rispettarla.

 

Seguici anche su Instagram

 

F1 | Sospesa la vendita dei biglietti del GP dell’Emilia Romagna ad Imola

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.