F1 | Dalla Germania: Ferrari senza grandi aggiornamenti in Austria

AMuS è sicura: la Ferrari non porterà aggiornamenti importanti alla prima gara di F1 in Austria. Secondo la testata tedesca il primo grande pacchetto arriverà dopo l’Ungheria.

f1 ferrari aggiornamenti austria

Nelle ultime settimane alcuni media italiani avevano ipotizzato che la Ferrari potesse portare importanti aggiornamenti per il primo gran premio di F1 in Austria.

Dopo due mesi di stop forzato dovuto alla pandemia da coronavirus, tutti i team sono tornati al lavoro per migliorare le proprie prestazioni.

Dalla Germania però sono piuttosto sicuri: il team di Maranello, a differenza di Mercedes e Red Bull, non porterà importanti migliorie sul circuito austriaco.

Dall’Italia era rimbalzata la voce di una Ferrari pronta a scendere in pista a Spielberg con un muso più affusolato, un nuovo cambio, un nuovo assale posteriore e una power unit con un surplus di 30 cavalli.

Per Auto Motor und Sport però tale pacchetto sarebbe solamente frutto della fantasia stimolata dall’astinenza da corse. Con un aggiornamento di questa portata la Ferrari avrebbe già terminato i token a propria disposizione.

Cosa dobbiamo aspettarci dai rivali della Ferrari?

Mercedes e Red Bull però, dal canto proprio, stanno lavorando per portare ingenti miglioramenti sulle proprie vetture. James Allison, Chief Technology Officer del team di Brackley, ha confermato l’introduzione di un importante aggiornamento aeordinamico al prossimo GP d’Austria.

Le Frecce d’Argento viste negli ulrimi giorni di test a Barcellona corrispondono allo sviluppo di dicembre 2019; da allora la Mercedes ha spinto molto nella ricerca aerodinamica.

Anche Red Bull non è da meno, stando alle dichiarazioni di Helmut Marko: “L’auto a Spielberg non sarà la stessa di Melbourne. Abbiamo saltato due step per portare al Red Bull Ring la terza fase di sviluppo”.

“Tutto è basato su CFD e galleria del vento, non abbiamo ovviamente i riscontri in pista, dobbiamo quindi supporre che i dati siano corretti”.

Tornando alla Ferrari, AMuS riporta le parole di un portavoce: “Abbiamo apportato solo modifiche ridotte. È stato più importante per noi comprendere a fondo la SF1000.”

“Da questo punto di vista siamo riusciti a capire bene la nuova monoposto, ci aiuterà molto”. Il primo pacchetto evolutivo importante verrà introdotto solamente dopo il gran premio d’Ungheria.

Le previsioni di AMuS saranno rispettate? La verità verrà alla luce tra pochi giorni, al semaforo verde delle prime prove libere. Manca sempre meno: la F1 riparte.

 

Seguici anche su Instagram

 

F1 | Presentata la nuova livrea Williams

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.