F1 | Damon Hill non ha dubbi sull’incidente di Monza: “Verstappen voleva far fuori Hamilton”

Arrivano pesanti accuse da parte di Damon Hill nei confronti di Max Verstappen riguardo l’incidente con Hamilton che ha segnato il Gran Premio di Monza.

incidente verstappen hamilton monza
Foto: unknown

Se da un lato la vittoria di Ricciardo a Monza è figlia dell’ottima prestazione della McLaren, dall’altro va evidenziato come senza l’incidente tra Verstappen e Hamilton l’esito della gara sarebbe stato probabilmente. Al momento del contatto, infatti, i due contendenti al titolo si trovavano molto vicini, complici gli errori commessi ai pit stop dalle due squadre.

In questo senso, sono pesanti le accuse rivolte da Damon Hill nei confronti del pilota olandese. Secondo il campione del Mondo 1996, Verstappen non avrebbe fatto nulla per evitare il contatto con Hamilton. “Guardando il replay dell’incidente è chiaro che non ci fosse modo di fare quel sorpasso. L’unica conclusione a cui sono potuto arrivare è che Max abbia potuto pensare ‘devo buttarlo fuori'”, questa l’accusa di Hill.


Leggi anche: F1 | Tre posizioni di penalità in Russia per Verstappen dopo l’incidente di Monza con Hamilton


“Non vorrei mai pensare qualcosa di simile ma o è stato un errore di valutazione o una mossa calcolata per far fuori Hamilton. So che sono parole forti ma si trattava di una gara in cui Mercedes era più che favorita e Lewis sarebbe tornato in testa al Mondiale“.

Le parole di Damon Hill fanno eco a quanto già affermato da Toto Wolff a fine gara. Il Team Principal Mercedes aveva infatti parlato di ‘fallo tattico’ da parte dell’olandese. “Era l’unica possibilità che Max aveva per evitare che Lewis scappasse via”, aveva dichiarato Wolff appellandosi poi ai commissari. Commissari che nelle ore successive alla gara hanno deciso di assegnare a Verstappen tre posizioni di penalità al via del Gran Premio di Russia.

Seguici anche su Instagram