F1 | Difficoltà in casa Mercedes – Hamilton: “Sabbia in pista? È stato come guidare con la pioggia”

Nonostante problemi al cambio durante lo stint di Valtteri Bottas ed una tempesta di sabbia, il team di Stoccarda è riuscito a completare 48 giri: 6 per il pilota finnico, 42 per l’inglese Hamilton. Sabbia test F1

Sabbia test F1
2021 Bahrain Pre-Season Test, Day 1 – LAT Images

Tempo perduto a causa di problemi di affidabilità, non ha sicuramente giovato nel primo vero e proprio esordio di Valtteri Bottas sulla W12.  “Un inizio non proprio ideale”, ha commentato il pilota finlandese. Sabbia test F1

Nonostante la Mercedes sia la grande favorita nel 2021, saltare anche una sola delle tre giornate di test potrebbe condizionare la prima parte della stagione.

“Negli ultimi anni la nostra vettura è stata quasi a prova di proiettile, fermarci per un problema di affidabilità non è stata un’esperienza familiare”, ha proseguito Bottas. “Il lato positivo è che, con il tetto limite di spesa, puoi recuperare un eventuale ritardo iniziale.”

“Sono comunque sicuro che saremo in grado di riprenderci in fretta e ho un’ottima sensazione per i prossimi due giorni del weekend”, ha concluso il pilota finlandese.

Hanno tutti lavorato sodo per arrivare fin qui”, ha invece dichiarato il compagno di squadra, Lewis Hamilton.

Penso che il team abbia fatto un ottimo lavoro per riportare la macchina in pista nella sessione pomeridiana. Non è stato un esordio primo vi sfide, ma continueremo a lavorare per risolvere eventuali anomalie che si presenteranno.

2021 Bahrain Pre-Season Test, Day 1 – Wolfgang Wilhelm

Il sette volte campione del mondo, nonostante la propria esperienza, dichiara: “non ho mai visto una tempesta di sabbia attraversare questo circuito nell’arco della mia carriera la sabbia si muoveva come se fosse pioggia.

Hamilton palesa, inoltre, le evidenti problematiche nella gestione pneumatici in tali condizioni: “avere sabbia sugli pneumatici non giova alla loro durata ed è difficile essere costanti sui long run.

Non è mancata una velata lamentela del pilota #44 riguardo la riduzione del tempo dedicato ai test: “Ricordo che, nel 2007, avevo ben dieci giorni per testare la macchina ed ora (il tempo ndr) sta diventando sempre meno!” 

Tuttavia, il campione non smentisce lo spirito ottimista che lo contraddistingue, affermando “non abbiamo altra scelta se non guardare il lato positivo”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter